6 dicembre 2016

Mastella: “Primarie Napoli, da ripetere nei seggi incriminati. L’importante è che non rivinca De Magistris”

214019 Roma Mastella Clemente Rai Uno - Porta a porta : L'Udeur lascia la maggioranza (EIDON) (Agenzia: EIDON) (NomeArchivio: PHPIMwjd.JPG)

Clemente Mastella è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

In merito alla sua possibile candidatura a sindaco di Benevento. “E’ solo un’ipotesi, non ho ancora deciso –ha spiegato Mastella-. Se ne parla da mesi, ma non c’è alcuna conferma. Io subisco la comunicazione, non la fomento. Che ci sia in atto una possibilità è vero, ma che abbia già deciso è falso. Sicuramente deciderò nei prossimi giorni”.

Riguardo il dialogo con Berlusconi rivelato da La Stampa. “Come fanno a virgolettare? Io non ho parlato con nessuno –ha affermato Mastella-. Con Berlusconi ogni tanto mi sento, ma è sempre stato un atteggiamento di leale amicizia, anche quando non c’era collaborazione politica. Laddove dovessi essere candidato, la scelta partirebbe da me, allargando poi agli altri. La mia famiglia è contraria e la mia famiglia è più importante di quello che dice Berlusconi. La mia famiglia ha paura che si scateni quello che si è scatenato in passato dal punto di vista mediatico e giudiziario. Mi hanno colpito pure da ministro della giustizia, figuriamoci da sindaco. Io non ho potere, mi fa piacere che la gente mi appoggi. Chi è massacrato sul piano mediatico e giudiziario di solito esce con le ossa rotte, il fatto che io abbia retto mi fa piacere e mi commuove. Se mi candidassi sarebbe l’epilogo della mia carriera politica, non ho più l’età per ripartire. Se dovessi scendere in campo lo farei per la mia città, che è in caduta libera. E’ prima per quanto riguarda la disoccupazione in Italia e ultima per i servizi attivi in città. Se potessi fare qualcosa per i cittadini lo farei volentieri. Ho già detto che non prenderei lo stipendio se facessi il sindaco e lo farei al massimo per 5 anni, perché devo creare un gruppo dirigente, non è che posso andare avanti all’infinito”.

Riguardo i rapporti con Nunzia De Girolamo. “I rapporti con lei non sono idilliaci ma sono molto più scorrevoli –ha affermato Mastella-. L’ho incontrata, abbiamo superato i motivi di tensione che c’erano stati tra di noi”.

Sulla nuova generazione di politici.  “I maestri non si eliminano –ha sottolineato Mastella-, è giusto che facciano i maestri per le giovani generazioni. Il dramma la sindrome di Anchise, non soltanto di scaricare i padri e i maestri, ma anche di mandarli al pubblico ludibrio della piazza. E’ saltata la generazione di Obama, Renzi non incarna la generazione di Obama. Lui fa gli slogan. Ma quando si parla di crescita del pil da 0,8 a 0,9, come diceva mia nonna sempre 0 è. Sono dati economici che vanno contro la realtà. Danno l’impressione che si marci sul posto senza muoversi. Se in Italia vanno via più ragazzi di quelli che arrivano vuol dire che il Paese è in crisi, non si fanno neanche più figli”.

Sulla situazione a Roma e Napoli. “La crisi porta la febbre e quando la febbre è alta fai cose che non faresti se avessi la temperatura normale –ha affermato Mastella-. Il centrodestra sta facendo cose contorte. Anche il centrosinistra a Napoli. Non si può dire che non si annullano i voti perché solo uno ha violato il regolamento. Fosse stato a Milano potrei crederci, ma a Napoli, considerando la povertà, credo che non sia stata solo una persona a prendersi l’euro. Se sono state riscontrate irregolarità si deve rivotare. Che problema c’è per la Valente se si va a votare di nuovo e rivince? In questo modo viene massacrato Bassolino. Se si va a rivotare si magnifica il risultato. Pd arrogante come dice D’Alema? Non mi avvalgo di questa capacità dialettica. Credo che le primarie ai seggi incriminati vadano ripetute per eliminare ogni dubbio. Il mio dispiacere è se a Napoli rivince De Magistris, quindi mi dispiace che il pd è in queste condizioni. Il dramma è che tutto questo fa rivincere De Magistris. La democrazia è questa, tra 500 beoni e 499 persone sagge, vincono i beoni”.

In passato Mastella disse che ai tempi in cui era ministro ci furono poteri che si mossero per attaccare lui e la sua famiglia, e che determinarono la caduta del governo Prodi.  “Quelle cose che dissi le confermo e aggiungo un’altra cosa –ha affermato Mastella-. Cinque mesi fa il giornalista Marcello Sorgi a ‘Porta a Porta’ ricordò che durante il periodo delle mie vicende drammatiche, accadde una cosa strana: lui era inviato a Napoli per La Stampa e, mentre era con altri giornalisti, arrivò un funzionario della prefettura che gli consegnò intercettazioni che mi riguardavano. Ma come mai nessuno si è incaricato di fare luce su chi era quel funzionario? Come faceva la prefettura ad avere queste cose? C’era qualcuno dei servizi intrufolato nella prefettura? Perché nessun magistrato ha voluto sentire Sorgi su questo? Dovrebbero darmi una spiegazione. Si voleva colpire il governo Prodi, forse perché non era simpatico ad alcune grandi potenze internazionali. Secondo me era una bella esperienza di governo e avrebbe aiutato l’Italia. Quelli del pd oggi screditano quell’esperienza, pure Orfini ha detto che c’erano Bertinotti e Mastella, oggi però ci stanno Renzi e Verdini, tralasciando il mio amico Alfano. Perlomeno io e Bertinotti ci eravamo presentati insieme prima delle elezioni, questi no, questi sono partiti da una parte e sono finiti all’altra. Hanno trovato l’oro che qualcuno gli ha fatto trovare. E’ un governo di alleanze spurie. Le nostre non erano spurie. Adesso è il governo Renzi-Verdini. Almeno noi eravamo di Lombardia e Campania, qua c’è il monocolore toscano al governo”.

Fonte: Radio Cusano Campus