7 dicembre 2016

Siria, Giulietto Chiesa spiega le ragioni del ritiro delle forze aree da parte della Russia

Il giornalista e politico Giulietto Chiesa è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Il mondo è piccolo”, condotta da Fabio Stefanelli su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it) .

In merito all’annunciato ritiro delle forze armate russe dalla Siria. “Non si tratta di ritiro dei contingenti –ha spiegato Chiesa-, perché la Russia non aveva nessun contingente militare in Siria. Aveva soltanto aerei e piloti e ha mantenuto la sua promessa, dicendo che non avrebbero messo soldati sul terreno. La Russia ritira la sua armata di aerei da combattimento che per 6 mesi hanno lavorato ai fianchi e alla testa di Daesh. Il primo significato di questa mossa è interrompere i combattimenti dichiarando la vittoria. Putin infatti ha detto che sono stati distrutti i capisaldi principali di Daesh. Il secondo significato è un gesto politico verso l’Occidente, nel senso che la Russia ha dato la prova di aver realizzato ciò che aveva promesso e adesso che l’ha fatto se ne torna a casa. E’ una smentita netta di ogni idea che la Russia abbia voluto giocare una sua partita per impadronirsi della Siria e del Medio Oriente. Quindi sostanzialmente la Russia dice all’Occidente: ‘adesso facciamo la verifica ad armi pari, il campo di combattimento l’abbiamo rovesciato ma a questo punto, dopo che la missione è finita, ritorniamo a muoverci sulla base di una parità sostanziale e andiamo a vedere le vostre carte’. E’ una mossa straordinariamente efficace. Si ripete ancora una volta la situazione in cui l’Occidente non capisce quali sono le intenzioni della Russia e le intenzioni della Russia sono state squadernate di fronte a tutti con grande chiarezza. E’ una mossa esplicitamente distensiva. Putin dice a Obama: ‘noi controlliamo la nostra parte, cioè Russia e Siria sono d’accordo su questa operazione e cessano i combattimenti nei confronti di coloro che accettano di cessare i combattimenti. Ora vediamo come voi sarete capace di controllare i vostri amici, ovvero l’Arabia Saudita e la Turchia’. La Russia ha fatto il suo gesto, l’Occidente è palesemente diviso, adesso vediamo che succede”.

Fonte: Radio Cusano Campus