11 dicembre 2016

Fermiamo Cupinoro replica a Fargnoli: “È Meglio parlare informati”

 

Caro consigliere Fargnoli, nonostante il Suo aspetto in foto ricordi un po’ quello dell’ispettore Fazio, brillante collega di Montalbano nella famosa fiction, troviamo che le Sue conclusioni sul ‘caso Cupinoro’ siano alquanto meno brillanti – anzi decisamente opache.

POST MORTEM. Nel Suo ultimo comunicato, Lei tiene a precisare il ruolo svolto dalla Sua amministrazione e da Lei in particolare per far luce sulla misteriosa scomparsa dei fondi POST MORTEM della discarica. Benissimo. Ma i comitati Le avevano evidenziato altri problemi e mancanze – anche sull’operato della Sua amministrazione – sui quali non ha fornito risposte. E comunque anche a noi cittadini piacerebbe sapere che fine hanno fatto quei fondi, dato che sono soldi nostri.

BONIFICA E MESSA IN SICUREZZA. Se Ladispoli ha già versato la sua parte per la messa in sicurezza della discarica (non scomodiamo qui il termine ‘bonifica’, pura fantascienza) dovrebbe chiederne conto alla Bracciano Ambiente e agli ex amministratori del comune di Bracciano. O forse alla Regione Lazio, da sempre vicina alle sorti del Comune di Bracciano – al punto da concedergli ben 10 milioni di euro. Questo è un altro caso misterioso: a che titolo sono stati offerti quei 10 milioni, dato che non erano neanche vincolati alla messa in sicurezza della discarica? E perché poi l’offerta è stata ritirata?

LA QUESTIONE VENETA. Davvero Ladispoli sostiene oneri altissimi per portare l’umido a Verona? E chi glielo fa fare? Perché non lo gestisce in house con la semplice pratica del compostaggio? E’ semplicissimo. Basta mettere in città dei compostatori di comunità nei principali luoghi di raccolta, Cerveteri  ha appena iniziato. Basta accordarsi con qualche agricoltore per creare piccoli siti per il compostaggio (aerobico beninteso) magari attraverso l’eccellente pratica della lombricoltura. Niente superspese di trasporti! E via alla produzione di compost di qualità e humus! Perché Lei ritiene che reperire terreni per queste pratiche sia un problema insolubile? Quanti tentativi sono stati fatti in questa direzione?

QUANTO A CUPINORO.  Su questa materia, Le consigliamo di studiare un po’ di più prima di esprimersi in pubblico.  Se per Lei l’impianto TMB equivale a ‘qualche rullo per lo smistamento dei rifiuti’ si informi sulle lotte dei residenti vicini al TMB di Via Salaria a Roma, ammorbati da anni e ancora oggi da un fetore intollerabile. Si informi sui costi di un impianto inutile a fronte di una differenziata ben fatta. Si informi sui vincoli presenti a Cupinoro e sull’attuale livello di inquinamento del territorio. Si informi su dove e come vengono bruciate le ecoballe prodotte dai TMB e quali conseguenze hanno sulla nostra salute. E ci risparmi per favore l’espressione ‘da rifiuti a risorsa’, tanto cara ai politici fautori di inceneritori e biodigestori.

Lei parla anche di ciclo virtuoso.  Le ricordiamo allora qual è il percorso ideale,  che coniuga risparmio e rispetto dell’ambiente: 1) Riduzione del rifiuto all’origine. 2) Raccolta differenziata porta a porta spinta. 3) Compostaggio aerobico della frazione organica. 4) Creazione di piattaforme per la raccolta dei materiali da riciclare. 5) Creazione di centri per il riuso. 6) Creazione di impianti ‘modello Vedelago’ per la gestione del rifiuto non riciclabile.

Non sono ‘ipotesi astratte e impalpabili’.  E’ semplicemente l’unico modo per non truffare e non avvelenare i cittadini.