5 dicembre 2016

Atrani, la “Bianca città d’un tempo e d’ogni giorno” su Rai 3 domenica 27 marzo

La troupe di “Alle falde del Kilimangiaro” nel borgo appena  inserito tra le 12 città bianche d’Italia   Scarpe comode e macchina fotografica pronta a immortalare scorci  indimenticabili: così Skyscanner consiglia di iniziare il viaggio alla  scoperta di Atrani, labirinto verticale unico nel suo genere. Il motore di ricerca, dopo averla segnalata tra i 20 borghi più belli  nel 2015, la inserisce nel particolare itinerario delle città bianche  d’Italia, unico gioiello in tutta la Campania in cui l’esplosione del  bianco amplifica suggestioni e magia. L’itinerario redatto comprende  l’intricato dedalo di vicoli, gradoni e improvvise piazzette che già  in passato ha catturato l’ispirazione di artisti del calibro di Escher,  e i monumenti più importanti: la Collegiata di S. Maria Maddalena, con  la sua candida facciata rococò, e la chiesa di S. Salvatore de’  Birecto.

Per Atrani si tratta di un riconoscimento che va ben oltre la bellezza  naturale dei luoghi: è piuttosto l’esaltazione di un’identità  peculiare, di un patrimonio di storia e tradizioni racchiuso nelle  mille sfumature del più puro dei colori. Intuizione che già 20160314_163115Alfonso  Gatto, illustre poeta salernitano, seppe cogliere e intrappolare nei  versi “bianca città d’un tempo e d’ogni giorno…” ricordati con  la parete d’autore che oggi accompagna i turisti alla scoperta del  borgo. Perché il legame di Atrani con il bianco ha radici lontane, come  testimonia l’antichissima prassi di rinfrescare il bianco dei vicoli,  delle scalinate e degli edifici in occasione della festa patronale, il  22 luglio. “Bianco in cielo, bianco in terra” recita il vecchio adagio  tradizionale, legando in un simbolico abbraccio “cielo e terra”,  candore esteriore e candore interiore e spirituale. E le mille sfumature del bianco di Atrani sono state oggi catturate  dalle telecamere di Rai Tre per “Alle falde del Kilimangiaro”,  assieme ad Amalfi, in onda domenica 27 in prima serata. Accompagnata  dalla storica dell’arte Lina Sabino e dal primo cittadino Luciano de  Rosa Laderchi, la troupe ha girato alcune scene nei luoghi più  rappresentativi del borgo. La collegiata di S. Maria Maddalena, con la sua panoramica terrazza  naturale affacciata sul mare, è stata la location di un delizioso  siparietto tra la conduttrice Camila Raznovich e il critico d’arte  Philippe Daverio, incantati dalla magia del panorama.

E poi la  piazzetta-salotto, in cui spicca il bianco degli edifici e della  scalinata che porta all’antica Cappella Palatina di S. Salvatore de’  Birecto, emblema dei fasti dell’Antica Repubblica; infine il corso  principale, che accompagna il percorso del fiume Dragone verso il mare,  cullato dai versi di Alfonso Gatto.  “L’ennesima vetrina importante per Atrani, chiamata adesso a  rispondere con entusiasmo e convinzione alle tante occasioni di  visibilità che si stanno affacciando” dichiara soddisfatto il primo  cittadino. “Occasioni per rilanciare il sistema turistico, che danno  la chance di esaltare la sua identità fatta di tradizioni e leggende,  di arte e di storia, di quiete e bellezza.

Perché rilanciare il  turismo in maniera duratura significa salvaguardare e valorizzare  l’identità del territorio, darle vita in forme moderne e sempre nuove,  farla conoscere ed apprezzare dai tanti ospiti che la sceglieranno come  meta. Significa anche, però, agganciare lo sviluppo turistico a una  crescita complessiva del borgo che ci impegna tutti, amministratori e  cittadini, in un percorso di consapevolezza e impegno quotidiano. Da  sempre crocevia di culture, popoli e saperi diversi, Atrani vuole  ritrovare la sua vocazione all’accoglienza e lanciare un messaggio di  fratellanza e convivenza pacifica tra i popoli.”