10 dicembre 2016

Roma – Rampelli, FDI: “Bertolaso vuole bene alla Meloni non voleva offenderla”

Fabio Rampelli, deputato di Fratelli d’Italia, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Riguardo le dichiarazioni di Guido Bertolaso nei confronti di Giorgia Meloni (‘Faccia la mamma’).  “L’interpretazione malevola delle parole di Bertolaso appartiene alla stampa scandalistica e gossippara –ha affermato Rampelli-. Con Bertolaso ci sono rapporti di grande correttezza e stima reciproca, penso voglia bene alla Meloni. Abbiamo ascoltato le sue dichiarazioni, sono state tutte cariche di affetto e di considerazione nei confronti di Meloni e FDI. A differenza di quanto fatto da Berlusconi, lui ha sempre riconosciuto l’apporto di FDI all’unità della coalizione”. 

Sui contrasti tra Salvini e Berlusconi. “Salvini e Berlusconi sono maggiormente preoccupati della loro leadership personale –ha affermato Rampelli-. La Meloni si sente addosso la responsabilità di essere leader del maggiore partito del centrodestra. Ha sempre detto di non essere disponibile a candidarsi vista la sua gravidanza, ma ha anche detto che come extrema ratio sarebbe disponibile ad accettare, se non si trovasse la quadra su un altro candidato, dato che ama la sua città. Mi auguro che Salvini e Berlusconi facciano prevalere il buonsenso e trovino un minimo comune denominatore. E’ bizzarro che la coalizione di centrodestra vadano unite a Milano dove sono coniugati gli interessi di Berlusconi e Salvini, invece a Roma stanno dimostrando irresponsabilità. Quando si è iniziato a parlare sulle migliori candidature possibili si è deciso di andare non su un principio di lottizzazione, ma di scegliere i candidati migliori e di andare compatti almeno nelle principali città italiane. Non essendo una questione attribuibile alla responsabilità di FDI, significherebbe che i due leader nazionali sono presunti leader. Se non riescono a trovare una soluzione a questo tipo di problema significa che non sono due leader. Se la coalizione di centrodestra non esiste a Roma non esiste neanche in Italia. Per essere più performanti dobbiamo essere uniti, se siamo insieme siamo più forti. Vogliamo mettere in piedi un fronte anti-Renzi che sia credibile anche per elezioni politiche. C’è un terzo soggetto che è il M5S che può accreditarsi come fronte antirenziano, ma l’unico credibile è rappresentato dal centrodestra. Bisogna però avere i numeri per rappresentarlo. Berlusconi in queste ore è stato molto scortese con FDI e Meloni, mi pare che non abbia fatto bella figura con le battute sull’edicola e sugli ospedali, sta perdendo lucidità. Lancio un appello a Salvini e Berlusconi, perché sembra incredibile che il centrodestra si spacchi e si disarticoli in più proposte. A Roma c’è un obbligo morale di andare compatti. Chiunque ha fatto un passo avanti è opportuno che ora faccia un rapido passo indietro”.

Fonte: Radio Cusano Campus