3 dicembre 2016

Francofilm Festival, l’incontro con il regista e attore romeno Horațiu Mălăele

 

Un maestro d’arte si incontra di rado, in particolare di questi tempi. Colui che non appare, non appariscente, che fa di lui parlare i fatti, le opere, quelle viste, quelle che si vedranno. Di lui parla il talento (quello che Stanislavskij chiamava “fiore”) dal rango in cui è, seduto in una poltrona in un fojer non convenzionale, prima della proiezione del suo film, con l’ autentica naturalezza di chi non deve dimostrare più nulla, pur con segni nascosti, ma visibili a chi li vuol vedere, di quell’umorismo, accecante e permettetemi, di lieve memoria gozzaniana (con meno andare verso filosofie heideggeriane…) perlomeno nel tessuto del ghigno e del restare ammutoliti, fermi sull’autenticità dell’essere umano nel mondo. Lui profeta in patria, dove è chiamato Maestro, cittadino del mondo, parla fluentemente francese davanti al pubblico in sala, e il suo dire è calmo, il tempo dell’umorista spassoso ma distaccato, come la caricatura  che fissa l’occhio del segno sulla realtà. Amara o non amara. Questo è il dilemma. Ma attenzione! il Maestro non aderisce a modelli, non ambisce a categorie, non segue schemi altrui, vuol restare se stesso. Vediamola questa  libertà!

Maestro la sua carriera dagli inizi ad oggi.

Ho iniziato a studiare in un Istituto di Teatro fantastico in una Bucarest oscura, molto segnata da un sistema politico molto brutale che era il comunismo. Una scuola di attori formidabile. Un sistema che utilizzava  il metodo Stanislavskij, che poi è stato ripreso poi dalle scuole statunitensi. Lavorai in tutti i teatri di Bucarest. Ora lavoro  dal Teatro Metropoli di Bucarest . L’anno scorso il teatro ha ospitato sedici spettacoli. 

Solo compagnie rumene?

No, anche  di altri paesi e soprattutto  provenienti dalla Francia. Spettacoli sopratitolati in rumeno. Trent’anni fa ho iniziato nel settore della regia teatrale, non sono fedele ad una forma di teatro, non ne  amo una sola: il testo è quello che detta lo stile. Il regista ha una scelta policroma, multicolore. Ciò che rende la vita più piacevole e interessante, rende a sua volta la scena così. Ho diretto due film, uno dei quali ”Nunta muta”(2008) è stato venduto in 35 paesi, anche in Italia: uno dei più venduti dvd in Francia. La tengo aggiornata quando ci sarà una proiezione ( Che gaudio! n.d.r.) Ho ricevuto un premio a Terni, il Premio del Pubblico al “Festival Internazional de Comedie a de la Bangkok”(citazione in lingua originale n.d.r.)

Dopo ultima lavorazione  del film Funeralii Felicite in concorso al Francofilm?

Dopo  l’ultimo film Funerali Fericite  sto lavorando ad un nuovo film in Italia: “Ceput spettaculoso“(citazione  in lingua n.d.r) Una  storia dedicata al debutto  “spettaculoso” fulminante, spettacolare, di Vittorio De Sica, il grande regista italiano: è un racconto di invenzione. La famiglia De Sica ha abbracciato l’idea e vogliono andare avanti.

Anche vignettista  di opere caricaturali?

Ho pubblicato oltre 6000 opere di vignettista sulle riviste si settore di tutto il mondo, ed ho uno studio al centro di Bucarest. Vignette, grafica e acquerelli.

Tra i suoi modelli del cinema internazionale? Può esserci anche il neorealismo?

Abbiamo iniziato con il neorealismo, ci ha segnato il percorso, ma non sono un fan esclusivo di un regista, non amo in modo particolare qualcuno, o  non ho qualcuno da seguire. Vittorio De Sica, si, per lui è un’eccezione, si può dire che lo seguo. Ma non vi è una regola fissa.

Un aneddoto che riguarda il film in concorso, aneddoto accaduto sul set?

Dato che i soldi erano pochissimi, sotto la pressione del tempo, non si è avuto tempo e spazio per far accadere cose!

Era tutto ritmo, ritmo !

Si. Il film è stato prodotto dalla  fondazione Arexim.

Il lavoro con gli attori.

Lavorato molto bene li conoscevo già tutto si è svolto nel quadro di una amicizia, pochi soldi.

Che si aspetta dalla partecipazione al festival?

Un film ha un proprio destino. Tantissime ragioni mi fanno essere contento: che la sala è piena, che è a Roma che incontro gente come lei, mi godo il momento. Ciò che conta nel rapporto tra il film e lo spettatore è il messaggio dello spettacolo. Di solito uno cerca di mettere degli addobbi alla vita che si vive.

Orpelli?

Si. Nello sforzo di migliorarla. Però queste cose contano meno rispetto alla vita stessa. E’ un idea Giansenista di predestinazione.

Vuole aggiungere qualcosa maestro?

Si. Riguardo  il regista Costa Gravas. Fare un film quando lo finisci è una esperienza soddisfacente però prima ti sfascia, ti consuma tanto. Un’ idea che ho condiviso con  Costa Gravas, frutto di una conversazione fra me e lui “Fare un film è come tentare di far  un figlio con una bambola gonfiabile”.

“Relata refero”, penso io.

Appendice

In Italia si conosce pochissimo del cinema e del teatro  rumeno. Cosa si può fare?

(Risponde il primo segretario responsabile  della comunicazione dell’ambasciata di Romania, presso la Santa Sede di Roma Ovidio Pufu che ha curato la traduzione dal rumeno in italiano durante l’intervista)

Qualcosa di importante viene fatto con il ProCult Film Festival/Festival del Cinema Romeno, organizzato dal qui presente Adrian Grigor, con l’ Ambasciata di Romania, presso  la Casa del Cinema  a Roma. Tantissimi film, ma  purtroppo non si gode di tanta pubblicità, c’è poco spazio alle esperienze oltre confini. Si perde l’occasione di conoscere la cultura cinematografica, la cultura romena in generale, nonché la migrazione.

Che cosa si può chiedere alle istituzioni?

Una parte della risposta il regista una parte io. Da parte delle istituzioni il festival del cinema rumeno è  organizzata con il sostegno molto importante dal governo romeno, è alla settima edizione proprio come Francofilm organizzato da romeni che vivono in Italia. Quello che noi  vorremmo come istituzioni è la visibilità nei media italiani.

Se il maestro vuole dire, perchè ci sono stati pochi  soldi per il film in concorso al Francofilm?

L’Italia ha una cultura formidabile, la Romania ha una cultura formidabile, basti pensare ad elementi fondamentali della cultura romena, nella scultura, filosofia, drammaturgia Cioran, Ionesco. Siamo bombardati dalla cultura americana pop. Cultura pop…corn! 

E aggregare più  finanziamenti?

L’istituzione responsabile in Romania ha pochi soldi che deve dare a 10 film: il produttore deve andare ad elemosinare i fondi. Il film a cui sto lavorando (si chiama proprio Vittorio) è nato con l’intenzione che anche dall’Italia ci sia un finanziamento.

E gli sponsor?

Risponde Adrian Grigor: Due istituzioni insieme non riescono a produrre da sole  un film, devono avere anche gli sponsor.

Interviene  Ovidiu Pufu: Aggiungo che all’inizio di marzo i due ministri della cultura, italiano e rumeno, Franceschini  e  Alexandrescu, si sono incontrati a Roma e hanno discusso questi aspetti , la possibilità di allargare a  finanziamenti congiunti, hanno promesso di firmare un protocollo di intesa per  far accellerare le cose, le prospettive saranno migliori.

Corollario.

Finisce l’intervista. Una persona si avvicina a Horațiu Mălăele e dice commossa di ricordare da sempre il suo teatro e il suo cinema, fin da bambina, che per lei è un mito. Multumesc. Grazie Maestro.

Maria Chiara D'Apote
About Maria Chiara D'Apote 59 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.