3 dicembre 2016

Migranti, Brescia, M5S: “In Italia tanti centri di accoglienza in mano alla malavita, ecco perchè”

L’On. Giuseppe Brescia (M5S), vice presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sul sistema dell’accoglienza dei migranti, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Il mondo è piccolo” condotta da Fabio Stefanelli su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Il Ministro dell’interno Angelino Alfano ha rassicurato l’Austria riguardo i flussi sulla rotta adriatica. “Se Alfano ha dato una rassicurazione del genere ha mentito spudoratamente sapendo di mentire –ha affermato Brescia-. Alfano sa benissimo che i regolamenti internazionali non ci permettono di respingere le persone che arrivano dal mare e quindi le rassicurazioni che ha dato in questo senso sono delle menzogne. La causa principale della situazione in cui ci troviamo è l’incompetenza di queste persone che si trovano nei posti decisionali e parlano senza conoscere le leggi che regolano il diritto dell’Ue e il diritto internazionale. Il problema dell’Italia è anche quello di trovarsi al centro del Mediterraneo e di non avere un peso politico tale da imporre all’UE un cambio di marcia serio sul tema delle migrazioni. Ci sono cose che vanno fatte anche in tempi brevi. L’Ue si era impegnata ad attuare 160mila ricollocamenti da Italia e Grecia agli stati membri. Di questi 160mila ricollocamenti, dall’Italia ne sono stati effettuati solo 230. Dopo questa enorme presa in giro, noi stiamo comunque rispettando gli accordi, creando i famosi hotspots. Come al solito stiamo facendo la figura dei fessi”.

Sul sistema di accoglienza italiano. “Abbiamo esaminato a fondo il sistema di accoglienza italiano, che di fatto non è un sistema –ha spiegato Brescia-.  E’ un’enorme confusione. Abbiamo dovuto impiegare mesi prima di avere un quadro della situazione. Ora si parla soltanto di centri di prima accoglienza e di centri di seconda accoglienza. Ci ritroviamo con un sistema fondato sull’emergenzialità, ossia il 70% dei centri in Italia sono Cas, cioè centri di accoglienza straordinaria, quindi centri improvvisati che sfuggono al controllo dei prefetti sul territorio e molto spesso vanno a finire in mano a persone che sono colluse con la criminalità organizzata. A farne le spese sono queste persone che scappano da una realtà drammatica e si ritrovano nelle mani della malavita. Soprattutto al sud questi migranti poi vanno a lavorare nelle campagne e finiscono nella rete del caporalato. Noi abbiamo proposto diverse soluzioni, una volta una nostra mozione è stata votata anche dalla maggioranza del PD, ma poi non è stata attuata”.

Fonte: Radio Cusano Campus