9 dicembre 2016

Roma – Con 20 chili d hashish all’Ospedale San Camillo, arrestate quattro persone

 

Nella serata di ieri lunedì 14 u.s. gli investigatori della Polizia di Stato della VI^ sezione criminalità diffusa della Squadra Mobile della Capitale, nell’ambito dell’attività volta al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti nella zona di Trastevere, ha tratto in arresto V.S. 50 enne di Roma, B.F. romano di 40 anni e F.M. albanese di 32 anni perché colti nella flagranza di spaccio di oltre 20 kg di Hashish.

In particolare gli operatori della sezione “Falchi”, che svolgono quotidianamente specifici servizi antidroga nei vari quartieri dove prolifera lo spaccio di sostanze stupefacenti, nell’effettuare un’apposita attività nei pressi dell’Ospedale “San Camillo-Forlanini”, notavano un soggetto il quale, con fare sospetto, si incontrava con altre due persone, scese da un furgone con al seguito un trolley, e facevano ingresso all’interno dell’ospedale. Gli agenti, giunti in un reparto del nosocomio, decidevano pertanto di controllarli rinvenendo, occultati dentro alla borsa da viaggio, oltre 20 kg di Hashish suddivisi in altrettanti panetti da 1 kg ciascuno. Dagli accertamenti sul posto si appurava che uno dei tre fermati prestava servizio presso l’Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini e si procedeva perciò alla perquisizione dell’armadietto di pertinenza del dipendente: al suo interno veniva sequestrata ulteriore sostanza stupefacente del tipo cocaina, hashish e marijuana, in parte già suddivisa in varie dosi.

Personale della Squadra Mobile, con l’ausilio di alcune unità cinofile, nel corso delle successive perquisizioni effettuate presso le abitazioni dei tre arrestati, ha tratto in arresto D.P.D., 41enne romano, estraneo alla vicenda, perché proprietario di un box, in zona Corviale, al cui interno sono stati sequestrati oltre 2 etti di hashish.

L’intera sostanza stupefacente posta sotto sequestro, il cui volume d’affari ceduta al dettaglio, ammonta complessivamente a circa 150.000 euro, era già confezionata e suddivisa in numerosi panetti da spacciare nei quartieri della movida romana.

Al termine degli atti di rito i tre arrestati all’interno dell’ospedale sono stati associati presso la Casa Circondariale di Regina Coeli, mentre D.P.D. verrà processato con rito direttissimo.

About Emanuele Bompadre 8290 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.