10 dicembre 2016

Mercoledì 16 marzo 2016, Teatro Nuovo di Napoli I Vicini di Fausto Paravidino

© TUTTI I DIRITTI RISERVATI ©

 

Le tensioni e la coesione della coppia, la paura del diverso, molta suspense e un’ironia coinvolgente sono gli elementi fondamentali de I vicini il nuovo spettacolo di Fausto Paravidino, che firma anche la regia, in scena da mercoledì 16 marzo 2016 alle ore 21.00 (repliche fino a domenica 20) al Teatro Nuovo di Napoli, prodotto da Teatro Stabile di Bolzano con l’organizzazione e la distribuzione di Nidodiragno/Coop. CMC.

L’occasione delle repliche partenopee dello spettacolo porterà Fausto Paravidino, giovedì 17 marzo alle ore 17.00, all’Ex Asilo Filangieri di Napoli, per un incontro con il pubblico, moderato dalla giornalista Francesca Saturnino.

Interpretato dallo stesso autore, affiancato in scena da Iris Fusetti, Davide Lorino, Barbara Moselli e Sara Putignano, I vicini è uno spettacolo sulle nostre paure, immaginarie e reali, sulle nostre paure reali che, spesso, sono le nostre paure immaginarie. In un’atmosfera rarefatta e sospesa, due giovani coppie s’incontrano e si scontrano tra le mura domestiche.

Lo spettacolo ricalca il tema di tanti thriller, di tanti film del terrore e del mistero. O forse, come dice l’autore, è più semplicemente uno spettacolo sulla paura tout court, la paura di ciò che non conosciamo, inspiegabile, irrazionale, la percezione dell’estraneo come ignota minaccia, che penetra proprio là, dove crediamo di poterci ritenere al sicuro, nel nostro rifugio, nella tana, nella caverna primordiale.

I Vicini è una commedia su un lui e una lei che vivono insieme, e si spaventano quando arrivano i nuovi vicini di casa, che rappresentano tutto quello che è fuori di noi e ci fa paura. Si può ammetterlo o meno, ma, generalmente, siamo spaventati dalla differenza, di qualunque tipo.

Paravidino gioca con grande abilità sugli elementi di suspense, sulle sensazioni di allarme per un pericolo incombente, sulla capacità di suscitare nello spettatore l’impressione, o l’attesa, che in ogni istante possa accadere qualcosa, mescolando ironia e spavento ed elevando la tensione ad ogni azione.

Casa, famiglia, coppia, intrecciate nelle tensioni della nostra realtà quotidiana, sono i temi attorno ai quali si dipana la commedia umana di questo giovane e, allo stesso tempo, maturo uomo di teatro.

Paravidino, con la sua vena inesauribile di autore raffinato e interprete sensibile, riesce a farci ridere e piangere di noi stessi in un rito liberatorio, che ci riporta al senso originario del teatro stesso.

Le scene sono a cura di Laura Benzi, i costumi di Sandra Cardini, le luci di Lorenzo Carlucci.