8 dicembre 2016

Samanta Pan Couture, presentata la collezione 2016

 

Venerdì 11 marzo si è tenuta presso il Novotel di Roma la Conferenza Stampa della stilista Samanta Panetta, condotta dalla giornalista RAI Camilla Nata, alla presenza dei testimonial, gli attori Beppe Convertini a Antonella Salvucci, alla quale hanno partecipato personaggi dello spettacolo e della cultura. Presentata la novità di quest’anno, la Collezione Uomo 2016, che si inaugura con la linea denim e si potrà trovare a breve nel nuovo atelier di Via Amsterdam n. 124.

Una sede tutta romana per la Samanta Pan Couture, annunciata a sorpresa durante la Conferenza Stampa, nel cuore del quartiere Eur. Il brand ha partecipato di recente all’appuntamento internazionale della London Fashion Week, il Royal Fashion Day, nella storica sede del Middle Temple, distinguendosi per la qualità dei suoi abiti di alta sartoria che ben rappresentano il gusto e la tradizione del made in Italy.

Grande emozione durante il collegamento in diretta streaming proprio con gli organizzatori del Royal Fashion Day di Londra: sono intervenuti in videoconferenza l’ideatore e organizzatore del Royal Fashion Day, Mr. Franco Carta e l’Art director dell’evento, Mr. Gordon Flynn, che hanno sottolineato come sia stato motivo d’orgoglio aver accolto gli splendidi abiti a firma Samanta Pan Couture, che sono risultati di concreto interesse sia per i buyer che per la stampa inglese.

L’attore Beppe Convertini si è detto entusiasta di rappresentare la nascente Linea Uomo Samanta Pan Couture e di intraprendere questa nuova avventura professionale al fianco dell’attrice Antonella Salvucci, protagonista assoluta del nuovo Catalogo Samanta Pan Couture 2016 curato dal fotografo Nikon Luca Esposito, che ha definito Samanta Panetta “una stilista che realizza capi d’eccezione, in grado di ideare abiti da sogno per ogni tipologia di persona”. Al termine della conferenza, la stilista e i testimonial hanno brindato con gli ospiti intervenuti, tra i quali l’attrice Maria Monsé e gli artisti Anastasia Kurakina e Sergio Laterza.