5 dicembre 2016

Rifarsi il naso con il rinofiller: ecco come funziona

La medicina e la chirurgia estetica sono ormai due fenomeni consolidati anche nella società italiana. Se fino a pochi anni fa l’argomento interessava solo i vip, le persone dello spettacolo e una ristretta cerchia di benestanti, oggi – complice il progressivo calmieramento dei prezzi medi e le nuove tecniche a disposizione – si tende a ricorrere sempre più spesso al ritocchino per migliorare il proprio aspetto fisico.

Tra gli interventi di chirurgia estetica più richiesti in Italia troviamo sicuramente la rinoplastica (nome con cui si identifica l’operazione per rifarsi il naso), la blefaroplastica (per tirare su e rimodellare le palpebre) e la mastoplastica additiva (intervento per aumentare il volume del seno).
“Il desiderio di rifarsi il naso è molto diffuso nel nostro Paese – spiega Marco Castelli, esperto in chirurgia e medicina estetica che opera sia in Italia che in Svizzera. – Non a caso, la rinoplastica è uno degli interventi più effettuati nel settore della chirurgia estetica nel corso del 2015”.

Tuttavia, proprio nel corso degli ultimi anni abbiamo assistitito anche ad un vero e proprio boom della medicina estetica, grazie all’introduzione e alla diffusione sempre più capillare dei filler leviganti e ringiovanenti, tra i quali spicca in modo particolare quelli a base di acido ialuronico.
Questo tipo di filler ha rappresentato una vera e propria rivoluzione nel settore, perché in molti casi queste tecniche riescono a soppiantare il tradizionale intervento di chirurgia plastica al naso. Il rinofiller è, infatti, un trattamento di medicina estetica che consente di rimodellare la piramide nasale senza ricorrere all’utilizzo del bisturi, ma usando solo il filler riempitivo, solitamente composto da acido ialuronico e botox. Con questo sistema, è possibile armonizzare e levigare anche la tanto odiata gobba nasale. Ovviamente, come in tutti i casi di questo tipo, è fondamentale rivolgersi ad un esperto del settore, in grado di intervenire correttamente, con le giuste sostanze e gli strumenti adeguati. Il filler, ad esempio, dovrebbe essere certificato dalla FDA (ancora non obbligatorio in Italia) che ne garantisce la piena sicurezza.

Secondo la Sicpre – Società italiana di chirurgia riparatrice plastica ed estetica –  in base alle ricerche condotte nell’arco del 2015, le applicazioni dei filler di ultima generazione hanno soddisfatto enormemente i pazienti, sempre più favorevoli al “ritocchino” non invasivo e ciò fa pensare, quindi, che questo tipo di tecniche saranno sempre più diffuse e apprezzate.