28 febbraio 2017

Orfini, PD: “D’Alema ha sbagliato luogo e momento, noi arroganti? Detto da lui…”

03/12/2011 Roma. Stati Generali della Cultura del Partito Democratico alle Officine Marconi. Il responsabile per la cultura del PD Matteo Orfini

Matteo Orfini, Presidente del Partito Democratico e Commissario del Pd a Roma, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Sulla situazione del Pd a Roma. “La situazione non è facile –ha affermato Orfini-. Avrei preferito non ci fosse bisogno di commissariare il Pd di Roma, non ci fosse stata Mafia Capitale e non avesse coinvolto il Pd, saremmo stati tutti più contenti. Sono stati 15 mesi non facili. O si ricostruisce un equilibrio facendo finta di niente nascondendo polvere sotto al tappeto, oppure si cerca di cambiare davvero e rigenerare una situazione compromessa. Io ho scelto la seconda e credo di aver fatto bene in questo senso. Dopo la seconda ondata di arresti di mafia capitale eravamo dati al 16%, oggi siamo appaiati al M5S. Significa che almeno una parte dei romani ha capito che stiamo cercando davvero di cambiare. I 43mila che hanno votato alle primarie sono un buon punto di ripartenza, abbiamo tanto da recuperare e il recupero è ancora è in corso”. 

Le dichiarazioni di Cuperlo (‘Da Orfini mi aspetto maggiore equilibrio’). “Chi svolge la funzione che svolgo io deve cercare fare il bene del Pd –ha affermato Orfini-. Ciò non significa rinunciare alle proprie opinioni. Credo che Cuperlo si riferisca a quello che io ho detto sulle primarie di Napoli, cosa che ha dato fastidio anche a Bassolino. Io mi sono limitato a dire una cosa abbastanza ovvia, cioè che nel momento in cui ci sono fatti contestabili ma che non inficiano la validità di un seggio, dato che brogli non ce ne sono stati, si tratta di comportamenti individuali di singoli e in questi singoli casi bisogna agire con fermezza. Ho difeso il Pd, dicendo la verità. Bassolino e Valente hanno chiesto che sia la presidenza del Pd ad esaminare i ricorsi. Tutto ciò che serve a fugare dubbi su come si sono svolte le primarie è giusto farlo, naturalmente nel minor tempo possibile perché c’è la campagna elettorale. Giachetti sindaco può aiutare il Pd a ricostruire la propria identità. Il Pd di Roma che si sta rigenerando in campagna elettorale deve completare questo lavoro”. 

Marchini? In questi anni è stato alternativo al Pd e di conseguenza non ci abbiamo mai pensato”–ha spiegato Orfini. 

Sull’alleanza con Sel. “Abbiamo sempre proposto a Sel di tenere viva l’esperienza del centrosinistra come in Regione Lazio, ci sembrava sbagliato rompere questo laboratorio a Roma –ha spiegato Orfini-. E’ stata una scelta unilaterale, siamo sempre pronti ad aprire le porte se dovessero cambiare idea. L’unica possibilità di avere un sindaco di centrosinistra è incarnata da Giachetti, qualunque altra candidatura serve solo a favorire indirettamente la destra e il M5S”. 

D’Alema ha parlato di un Pd in mano ad un gruppo di arroganti. “Ovviamente la penso diversamente da D’Alema –ha affermato Orfini-. In un momento sbagliato, dopo le primarie, è iniziato un dibattito tutto interno sull’identità del Pd, sull’anticipare il congresso. Ho chiesto che questo dibattito tornasse nelle sedi opportune, convocando la direzione del partito il 21. Spero che in quel giorno possiamo trovare le risposte necessarie. Mentre noi discutiamo, i nostri candidati cercano di fare campagna elettorale. E’ giusto discuterne nelle sedi politiche, non solamente nelle interviste sui giornali. D’Alema a quanto pare mi disconosce per l’arroganza, è un non senso essere disconosciuti da D’Alema perché troppo arroganti”.

AUDIO http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?prog=486&dl=7269

Fonte: Radio Cusano Campus