Mnemòsine Ricordo, suggestioni, narrazione

È al nastro di partenza la rassegna letteraria Mnemòsine. Ricordo, suggestioni, narrazione: l’inaugurazione della kermesse, infatti, sarà giovedì 17 marzo alle ore 18.30 alla galleria d’arte Le Quattro Pareti in Via Fiorelli 12/D (Na)con l’autrice Lavinia Petti e Il ladro di nebbia (Longanesi).




Il ruolo della memoria nel percorso individuale e collettivo: è questo il tema centrale attraverso il quale si snoda il ciclo di quattro appuntamenti intitolato Mnemòsine, la nuova proposta culturale di CaffèLetterario (gruppo-comunità virtuale del social network Facebook, fondato da Argia Di Donato) e Le Quattro Pareti (galleria d’arte dell’avv. Maria Giovanna Villari nel cuore del centro di Napoli), in collaborazione con la libreria di tutti IOCISTO, il movimento culturale Liberiamo il cratere, le associazioni La casa di Mercurio, Le Cose che vanno, Novello Aedo, l’organizzazione Arilù Music e la Drogheria Fiorelli.

Dal recupero delle proprie radici alla costruzione di un futuro possibile, attraverso un viaggio interiore che offre, nella riflessione individuale, un’opportunità per affrontare con una differente chiave di lettura i temi comuni della moderna società. È una celebrazione della Memoria nella sua accezione più antica, Mnemòsine, la madre delle muse tutrici delle arti, e di tutti gli aspetti a essa connessi, per acquistare la consapevolezza di ciò che si è e del proprio ruolo nel mondo.

Quattro, dunque, i temi proposti, e quattro le tappe e gli aspetti diversi della relazione tra uomo e memoria (la memoria per costruire il presente; la memoria tra consapevolezza ed impegno; la memoria visionaria dell’io; la memoria nel recupero delle proprie radici), illustrati tramite un approccio letterario e poetico contraddistinto dagli ospiti della manifestazione che si svolgerà nei locali de Le Quattro Pareti (Via Fiorelli 12/D – NA), durante i mesi di marzo e aprile 2016.

Al termine di ogni incontro, degustazioni di prodotti tipici locali della Drogheria Fiorelli.

Ad aprire la rassegna con il tema “La memoria per costruire il presente” sarà la giovane e talentuosa Lavinia Petti, giovedì 17 marzo – ore 18:30, con il suo romanzo di esordio Il Ladro di Nebbia (Longanesi), affascinante racconto fantastico ambientato in una Napoli ‘oltre’, accattivante narrazione e descrizione appassionata di una memoria perduta, epopea di una ricerca oltre i confini della ragionevolezza e del dubbio. Relatrice, la scrittrice Simonetta Santamaria.

Sarà poi la volta di “La memoria tra consapevolezze ed impegno”, giovedì 31 marzo – ore 18:30, protagonista Elena Varriale, con Intralci ed intervalli (Fara Editore), poetessa campana di spicco e impegnata con temi sociali e di interesse internazionale tra la certezza e il dubbio dell’intimo sentire rispetto a un mondo in continuo divenire. Si confronterà, su questi temi con la giovane poetessa Erika Filardo: due generazioni allo specchio.

Altra prospettiva la offrirà “La memoria visionaria dell’io”, giovedì 14 aprile – ore 18:30, di cui si farà portavoce la poetessa Carolina Cigala con Respiri (Tullio Pironti Editore) in un altalenante collazione di ricordi e visioni oniriche che trasportano verso l’universo intimista e poliedrico della coscienza. Relatrice, la giornalista Paola De Ciuceis.

Chiude il ciclo di appuntamenti in onore della memoria, con “La memoria nel recupero delle proprie radici”, venerdì 29 aprile – ore 18:30, Maurizio Ponticello, autore di Forse non tutti sanno che a Napoli… (Newton Compton), un incredibile viaggio che percorre oltre duemilaseicento anni della storia di Napoli e delle memorie perdute, presentate sotto una luce nuova che rivela aspetti insoliti, a volte oscuri ma pur sempre affascinanti. Relatrice, la giornalista Federica Flocco.

Letture a cura di Camilla Aiello, avvocato, attrice.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8968 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.