10 dicembre 2016

Cupinoro – Giuliacci: “Braccianesi non vi fate prendere in giro e non regalatevi a Cerroni e simili”

Continuare nel perpetrare lo scempio ambientale a cupinoro con nuovi impianti non salverà Bracciano dall’eventuale bancarotta. Troppi braccianesi stanno in silenzio perchè hanno paura che senza i soldi che la nuova impiantistica porterebbe nelle vuote casse del comune andrebbero incontro ad aumenti delle tasse, calo dei servizi, etc…

Il debito accumulato dall’amministrazione di bracciano non sarà nemmeno lontanamente colmabile con queste entrate anzi quello che è certo invece è che i braccianesi dovranno cacciare i soldi per il pst-mortem, quei 10 mln che la finanza contesta a chi ha amministrato fino ad oggi. Ricordiamoci che le prime entrate forse ci saranno tra almeno due-tre anni, non domani; domani ci sarebbe solo la possibilità di fare un prestito garantito da queste future entrate; altri buffi, buffi su buffi (debiti su debiti per i non romani). Molti candidati a sindaco (a Bracciano ma anche in altri comuni) tacciono su Cupinoro, non prendono una posizione esplicita, solo per paura di perdere voti ma sono disonesti, con i loro concittadini e con quelli dei comuni limitrofi, Bracciano andrà in bancarotta con o senza Cupinoro.

Nuovi impianti a Cupinoro significa continuare ad essere la cittadella della monnezza per sempre, con impianti inquinanti e sovradimensionati rispetto alle necessità. Nuovi impianti a Cupinoro significa rimandare sine die la bonifica del sito, della discarica illegale e di quella legale nata successivamente, perdendo ancora occupazione visto che per mandare avanti questo tipi di impianti lo fa il gestore da remoto (es. molti impianti biogas sono gestiti e controllati dalla germania, va bene quando c’è una persona in loco), rispetto a quella che si potrebbe mantenere con bonifica e gestione del post-mortem.

Nuovi impianti a Cupinoro significa aprire le porte per sempre a Cerroni o qualche altra sanguisuga che opera nel campo dei rifiuti. Nuovi impianti a Cupinoro significa che il politico che ve li sta proponendo come punto programmatico, vi sta illudendo, vi truffa, vi prende in giro: NON VOTATELO!

Perchè fare un nuovo impianto TMB quando nel comprensorio con la differenziata al 65% serviranno impianti di altre tipologie, e comunque come riportato nello studio confservizi 2013 commissionato dalla Regione Lazio, nella nostra regione c’è un grande surplus di capacità di trattamento meccanico-biologico (TMB) e quindi manca mercato. Soldi buttatri! Bonificare e risanare Cupinoro rispetta la vocazione turistica ed agricola di Bracciano. Bonificare e risanare Cupinoro significa lavoro stabile per anni ed anni.

Bonificare e risanare Cupinoro consente di restituire quel territorio alle generazioni future. Non regalate il paese a Cerroni e simili, la storia di Bracciano merita ben altro.

Marcello Giuliacci

Riceviamo e pubblichiamo