7 dicembre 2016

Francofilm, Festival del Film Francofono di Roma: l’eccellenza d’Oltralpe nella Città Eterna

 

Bisogna sempre ricordare, per debito di gratitudine, che se non ci fossero stati i fratelli Lumière, Auguste Marie e Louis Nicolas, non ci sarebbe stato il cinema, ovvero tutta la storia come si è svolta fin ora. E così con questo spirito di avventura, nel cuore di Roma, passando attraverso via Giovanna d’Arco, giovane pulzella d’Orlèans, sbuchiamo in Largo Toniolo, e, di fronte, ci appare la scritta “Centre Saint Louis de France”: entriamo nell’antico palazzo sede dell’Istitut Francais-Centre Saint Louis. Ci accoglie madame Christine Desgrange Schmidt, addetto stampa del festival.

“Da quanti anni opera l’Istitut Francais – Centre Saint Louis?” chiediamo.

“L’IF- CSL è l’Istituto” ci dice Christine”  da 70 anni, promuove la cultura francese, attraverso corsi di lingua francese qualificati, tenuti da insegnanti di madre lingua francese, per tutti i livelli e certificazioni, secondo le norme internazionali, in sede e on-line. E non è tutto! Vi sono corsi di teatro in francese, concerti, conferenze, presentazione libri, una programmazione cinematografica con film originali. Il fiore all’occhiello è il “Francofilm” che l’IF-CSL, organo dipendente dall’Ambasciata di Francia presso la Santa Sede, organizza da ben sette anni .”

Ci dice inoltre che l’IF-CSL organizza il festival con il sostegno delle ambasciate  dei paesi membri dell’Organizzazione Internazionale della Francofonia(OIF) e il patrocinio, tra gli altri, del Festival International du Film Francophone di Namur e di Aifrance.

“Perché  Francofilm? Perché ben 80 paesi, sono di lingua francofona” interloquisce  Christine ”un  patrimonio linguistico e culturale che fa parte della vita di milioni di cittadini. Per questa ragione  l’OIF desidera, fortemente, diffondere la cultura francofona  attraverso l’arte cinematografica, così capace di rappresentare, universalmente,  usi e tradizioni diverse.”

Guardando le locandine dell’evento si notano molti nomi: Belgio, Canada-Quèbec, Costa, D’Avorio, Francia, Grecia, Libano, Lussemburgo, Mali, Marocco, Romania, Svizzera e Vietnam.

“Vietnam?” chiedo “Non sapevo fosse una nazione francofona.”

“Lo è! L’ultima proiezione, il 15 Marzo, alle 21, riguarderà proprio il film in concorso per il Vietnam “Au Milieu De Nulle Part di Nguyen Hoang Diep!”

Vero! Da non perdere, allora. Quest’anno il festival è cominciato, invece, con il film,  in concorso per la Francia,“Tempete” di Samuel Collardey: vincitore Premio Orizzonti alla 72esima Mostra di Venezia. I film sono tutti lungometraggi e  molti registi sono giovani, come  Philippe Lacote autore di “Run”, per la Costa D’Avorio. Ancora più interessante, perché quella cultura, ai più, pare distante dalla francofonia, è il film “ Xenia/Pazza Idea” del greco Panos H. Koutras; poi vi sono le prime nazionali per la Svizzera “Sweet Girls” di Jean-Paul Cardinaux, e quei film con menzione speciale come “Blind Intersections”  di Lara Saba (Premio per migliore attore al 39° Festival International du Film Independant de Bruxelles ) per il Libano o come  “Triptyque” di Robert Lepage e Pedro Pires, per il Canada-Quebec (Menzione speciale della giuria ecumenica della 64esima Berlinale). Abbiamo ancora il 14 Marzo (con in sala il regista di “Rapt à Bamako” Cheick Oumar Sissoko-per il Mali) e il 15 Marzo ( in sala Mohamed Mouftakir regista di “L’Orchestre des aveugles” per il Marocco) tutti e due i giorni da gustare. Il 16 Marzo ci sarà la Premiazione finale: non a caso questo Festival cade all’interno delle giornate della Francofonia in Italia (8 – 22 Marzo).

“Per questo è importante che vi sia massima visibilità all’evento. E la risposta del pubblico è stata entusiasmante fin ora“ sottolinea Christine “Quest’anno le storie sono di giovani, storie vere, attuali, scottanti, argomenti che trattano temi sociali come l’emarginazione.”

“Essendo un Festival vi sarà una Giuria?” chiediamo.

”Si, la Giuria del Festival è presieduta da Romano Milani, Segretario Nazionale Sindacato Giornalisti Cinematografici Italiani, formata da Giovanni Pompili produttore cinematografico (a capo della Kino Produzione) e Federico Pontiggia giornalista de “Il Fatto Quotidiano” e “Rivista del Cinematografo” che conferirà il Gran Premio della Giuria. Inoltre vi sarà il Premio del Pubblico, perché lo spettatore potrà votare i film proiettati durante il Festival.” Scendendo le scale entriamo nella piccola ma accogliente sala cinematografica. “E l’ingresso?” chiedo. ”L’ingresso è gratuito fino ad esaurimento posti”.

Bene. Noi ci saremo! E voi?

Maria Chiara D'Apote
About Maria Chiara D'Apote 63 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.