3 dicembre 2016

Stazione San Pietro – Zuppello: “Cantiere fermo da 10 anni, indaghi la procura della Repubblica”

 

 

Con un esposto alla Procura della Repubblica il Vicepresidente del XIII Municipio Aurelio, Stefano ZUPPELLO, ha inviato tutta la documentazione inerente al cantiere per la realizzazione di un albergo in base alla convenzione urbanistica inerente all’attuazione del Programma degli Interventi di riqualificazione previsti dal Piano di Assetto dell’Area Stazione San Pietro.

“La convenzione con la soc Roma 2000 SpA – dichiara Stefano ZUPPELLO – è stata sottoscritta nel lontano 2001, ben 15 anni fa, e, ad oggi nessuna opera si vede realizzata. Alla soc. Roma 2000 è subentrata nel 2003 la soc. EURO srl e, negli anni sono state chieste proroghe per varianti al progetto originale. Quindi una convenzione che doveva scadere nel 2006 è oggi ancora in essere senza che si vedano realizzate almeno le opere pubbliche previste.

Nel novembre del 2015 la soc. EURO srl ha chiesto l’ennesima proroga per una non meglio specificata “migliore definizione delle destinazioni urbanistiche attualmente previste”.

Si potrebbe quindi pensare che al danno di vedere un cantiere praticamente fermo da 15 anni, con un fortissimo disagio per ai cittadini, con una perenne occupazione del marciapiede di via Innocenzo III, con due gru che da anni incombono sui palazzi limitrofi, ci sia oggi anche la beffa di non vedere realizzata nessuna opera pubblica e che siano realizzate nuove residenze private.

Viste le poche ed evasive risposte arrivate dai Dipartimenti centrali nonostante i vari solleciti e aderendo alle richieste dei cittadini – conclude Zuppello – ho inviato tutta la documentazione in mio possesso alla Procura della Repubblica affinché si indaghi per verificare se vi siano state azioni o atti non osservati le attuali norme vigenti”

About Emanuele Bompadre 8223 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.