9 dicembre 2016

D’Alema: “Il Pd è finito in mano a un gruppetto di persone arroganti e autoreferenziali”

Massimo D'Alemaalla festa democratica del Pd milanese che si svolge presso il Carroponte di Sesto San Giovanni, 13 settembre 2013. ANSA / MATTEO BAZZI

Il Pd versa in una condizione gravissima, e la classe dirigente reagisce insultando e calunniando con metodi staliniani”. Lo dice Massimo D’Alema al ‘Corriere della sera’. “Il Pd- spiega- è finito in mano a un gruppetto di persone arroganti e autoreferenziali. Dei fondatori non sanno che farsene. Ai capi del Pd non è passato per l’anticamera del cervello di consultarci una volta, in un momento così difficile. Io cosa dovrei fare? Cospargermi il capo di cenere e presentarmi al Nazareno in ginocchio a chiedere udienza a Guerini?”.

Basta primarie? “Non ho detto questo. Ma così hanno perso ogni credibilità. Sono manipolate da gruppetti di potere. Sono diventate un gioco per falsificare e gonfiare dati. Bisogna scrivere nuove regole. E intanto rispettare quelle che già ci sono”.

Serve una ricostruzione del centrosinistra, non la costruzione di un partitino alla sinistra del Pd. Serve una battaglia all’interno e all’esterno visto che molti dei nostri sono fuori. Io faccio un’analisi e offro un contributo di tipo culturale. Ci sono diverse personalità” che possono diventare leader, “ma non faccio nomi”. Lo afferma Massimo D’Alema, a margine di un convegno.

Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5987 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.