6 dicembre 2016

Bce taglia tutti i tassi e ‘Qe’ sale a 80 mld al mese

SuperMario è tornato e ha usato l’artiglieria pesante. La Bce taglia tutti e tre i principali tassi d’interesse portandoli a un nuovo minimo storico: a zero e in territorio negativo.

Il tasso di interesse sulle operazioni principali di rifinanziamento dell’Eurosistema è ridotto di 5 punti base, allo 0,00%. Il tasso di interesse sulle operazioni di rifinanziamento marginale è ridotto anch’esso di 5 punti base e scende allo 0,25%. E soprattutto il tasso sui depositi presso la Banca centrale è ridotto ancora di 10 punti base e va al -0,40%.

Il Consiglio direttivo della Bce ha poi ampliato il programma di acquisto dei titoli pubblici portandolo da 60 a 80 miliardi al mese.

Gli acquisti del Quantitative easing saranno poi allargati anche ai bond delle aziende. E non è finita qui perchè a partire da giugno 2016 viene introdotta una nuova serie di 4 operazioni mirate di rifinanziamento a più lungo termine (i Tltro II, o maxi aste per le banche), ciascuna con scadenza a quattro anni. Il tasso di interesse applicato a queste operazioni potrà essere ridotto fino a raggiungere un livello pari al tasso sui depositi presso la banca centrale. Il governatore Mario Draghi, nel corso della conferenza stampa a Francoforte, ha spiegato che il pacchetto di misure favorirà “un ulteriore allentamento delle condizioni finanziarie, pptrà stimolare il credito e a rafforzare la ripresa”.

Cattive notizie sul fronte inflazione. La Bce ha tagliato le stime per quest’anno dall’1% previsto a dicembre allo 0,1%. Draghi assicura “tassi bassi a lungo” e tutti gli sforzi possibili per avvicinare nel medio termine l’obiettivo del 2%, o poco meno, di inflazione nell’area euro. Infine SuperMario si è concesso anche il lusso di una frecciatina ai falchi tedeschi: “Se non avessimo agito in questi ultimi anni, se avessimo detto ‘nein’ a tutto, ora ci troveremmo una deflazione disastrosa“.

Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5970 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.