11 dicembre 2016

Stepchild adoption, il tribunale di Roma riconosce una famiglia con due mamme

Dopo il tanto discusso e chiacchierato ddl Cirinnà si era giunti alla conclusione di aprire alle unioni civili ma la stepchild adoption  era stata stralciata per far si che il disegno di legge fosse varato dal Senato.

“Che la legge si debba fare e non si possa rimandare lo pensano tutti, sulla stepchild adoption, cioè la possibilità di adottare il figlio del partner, non puoi dire ‘o così o pomì’. Non ci sarà una posizione del governo su una questione che riguarda la libertà di coscienza. Sul 95% della legge c’è accordo. […] Spero che si possa discutere delle unioni civili senza toni di furore ideologico ma cercando di trovare un punto di sintesi. L’importante è che la legge si faccia. Credo che, nonostante le differenze, ci sia spazio per trovare un punto di intesa”. Questo quanto dichiarato da Matteo Renzi a riguardo il 13 ottobre scorso.

Non sono mancate le critiche a seguito di ciò, critiche che si inaspriranno di nuovo dopo una nuova sentenza del Tribunale per i minorenni di Roma che riconosce una famiglia con due mamme. Lo comunicano Rete Lenford e Famiglie Arcobaleno. Alle due donne, rappresentate dall’avvocato Susanna Lollini, è stata riconosciuta l’adozione incrociata dei tre figli che da oggi, quindi, sono anche per la legge figli di entrambe le madri e che da oggi porteranno entrambi i cognomi delle due madri. A comunicarlo Rete Lenford e Famiglie Arcobaleno che sottolineano che nonostante per legge i bambini non saranno riconosciuti come fratelli, nelle motivazioni del giudice si legge che “tali si considerano e vengono nel mondo esterno considerati”.

Secondo l’avvocato Maria Grazia Sangalli, Presidente di Avvocatura per i diritti LGBTI “Mentre la Camera si appresta a discutere la proposta di legge sulle unioni civili dove l’adozione dei figli del partner è stata stralciata rimettendo così tutto nelle mani dei giudici – spiegano Rete Lenford e Famiglie Arcobaleno – il Tribunale scrive che già la normativa attuale ‘deve poter essere interpretata alla luce dei principi costituzionali e convenzionali che costituiscono il fondamento per il riconoscimento di nuove forme di genitorialità. E’ di tutta evidenza che i rapporti esistenti tra le ricorrenti ed i rispettivi figli sono quelli concretamente e quotidianamente tipici di una sana relazione madre-figli'”