3 dicembre 2016

Rischio attentato a Roma, fermato un imam somalo a Campobasso

Non moltissimo tempo dopo gli attacchi di Parigi, ecco che la paura di un nuovo attentato torna a farsi sentire.  Il responsabile del progetto dell’attacco, fortunatamente sventato dall’Antiterrorismo e dalla Digos, sarebbe un ventiduenne somalo che risiedeva all’interno del Centro per rifugiati di Campomarino, all’interno del quale l’imam veniva definito un “esaltato” pronto a passare alla mobilitazione.  Ciò ha fatto scattare il fermo nei confronti del ragazzo.

“Cominciamo dalla stessa Italia, andiamo a Roma e cominciamo dalla stazione”. E’ quanto avrebbe detto il giovane imam somalo fermato a Campobasso e riportato in un documento illustrato in Questura riconducibile ad alcune frasi pronunciate dal giovane. “La guerra ancora continua – ripete – Charlie Ebdo era solo il precedente di quello che sta succedendo adesso”. E poi, “c’è una strada più semplice, quella di attrezzarsi e farsi saltare in aria, che è la via più semplice”.

Questa la conversazione intercettata tra due soggetti residenti all’interno del Centro per rifugiati di Campomarino.

Secondo gli uomini dell’Antiterorrismo e della Digos della Polizia che hanno condotto le indagini, il somalo era un soggetto pericoloso, una figura che in poco tempo aveva avviato un’attività di proselitismo e si era imposta all’interno del centro che lo ospitava con posizioni dominanti e radicali. Agli altri ospiti della strutture l’uomo diceva di appartenere ad Al Shabaab, il gruppo terroristico insurrezionalista islamista sunnita attivo in Somalia, nato intorno al 2006.

In merito a quanto accaduto Alfano dichiara – “Il rischio zero non esiste ma l’arresto a Campobasso dimostra che il sistema di prevenzione funziona. Non dobbiamo distrarci ed il nostro grazie sincero va al lavoro svolto dalle forze dell’ordine”. Così il ministro dell’Interno Angelino Alfano al termine del question time alla Camera.”Noi abbiamo un monitoraggio molto severo e attrezzato dal punto di vista tecnico di tutti i centri e i luoghi dove si può fare proselitismo e dove può avvenire teoricamente il reclutamento”.

Salvini ribatte – “Renzi complice! Se fossi al suo posto, controlli a tappeto ed espulsioni di massa. Gli italiani sono a rischio per colpa di Renzi e Mattarella”.