3 dicembre 2016

Primarie USA, Prof. De Rosa: “Unico rivale di Trump è l’establishment repubblicano. Vittoria di Sanders in Michigan conta poco”

Il Prof. Roberto De Rosa, docente di Scienza politica all’Università Niccolò Cusano, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Il mondo è piccolo” su Radio Cusano Campus, emittente dell’UniCusano ( www.unicusano.it ).

Riguardo le primarie dei Repubblicani e dei Democratici negli Stati Uniti. “Si è votato in 28 stati –ha spiegato il Prof. De Rosa-, in 21 di questi si è votato per le primarie democratiche e in 24 per quelle repubblicane. Siamo circa a metà strada rispetto alla conclusione che avverrà il prossimo giugno. Sanders ha vinto inaspettatamente in Michigan, dove la Clinton era in vantaggio del 20% nei sondaggi. La Clinton ha però vinto in Mississippi con percentuali stratosferiche. Questo successo di Sanders, sebbene gli consenta di rimanere in pista per le primarie, non gli porta chissà quali benefici in quanto su 21 stati, tra caucus e primarie, la Clinton ha un vantaggio di oltre 200 delegati rispetto a Sanders. Negli Stati Uniti ciò che conta non è tanto la preferenza dei cittadini nei confronti di questo o quel candidato. Se uno Stato ha una popolazione molto vasta, quello Stato godrà di un numero molto alto di delegati, o grandi elettori. Sanders ha vinto con una percentuale molto alta in New Hampshire, ma il numero di delegati in quello Stato è molto basso. Conta di più vincere con il 49% in Iowa come ha fatto la Clinton, piuttosto che col 60% in New Hampshire. La partita è ancora aperta per Sanders, ma è quasi sicuro che vincerà la Clinton. Sanders dovrebbe fare un mezzo miracolo per stravolgere la situazione. In campo repubblicano, i giochi sono fatti. Trump è nettamente in testa. Il suo unico rivale è l’establishment del partito repubblicano che sta cercando di fermarlo. Su twitter c’è un hashtag molto famoso “nevertrump”. Tuttavia Trump continua a staccare i suoi avversari in maniera netta nei vari stati. In questo momento, su 24 stati in cui si sono svolti le primarie, Trump sembra inarrestabile”. 

Le restrizioni per il voto alle primarie Usa. “Rispetto all’Italia e all’Europa –ha spiegato il Prof. De Rosa-. negli Stati Uniti i cittadini si iscrivono alle liste elettorali annunciando la propria preferenza di voto e, nel caso di primarie chiuse, solo quelli che hanno espresso in precedenza la propria preferenza per un determinato partito sono chiamati a partecipare alle primarie di quel partito”.

Fonte: Radio Cusano Campus