3 dicembre 2016

Agricoltura – Di Gioia: “Lotta al caporalato tassello fondamentale per la difesa del prodotto italiano di qualità”

 

“Il contesto del lavoro nero e la piaga del caporalato in agricoltura sono componenti di una materia sensibile spesso all’attenzione delle Regioni. Sono temi su cui si avverte la necessità di un diverso clima culturale e di una normativa quadro nazionale che consentano di muovere le giuste leve per una definitiva eradicazione di tali fenomeni che peraltro incidono in maniera negativa anche sulla immagine e sulla competitività dei prodotti italiani”, è quanto ha dichiarato il Coordinatore della Commissione Agricoltura, Leonardo Di Gioia (Regione Puglia) nel corso di un’audizione al Senato (dinanzi alla commissione Agricoltura di palazzo Madama) sui disegni di legge nn. 2217 e 2119 (contrasto sfruttamento lavoro in agricoltura) alla quale ha partecipato anche l’Assessore della Regione Campania, Serena Angioli.

L’Assessore Di Gioia ha illustrato alla commissione i risultati e le opportunità dei provvedimenti adottati dalla regione Puglia, senza nascondere le aree di persistente criticità. “La riflessione che va avviata – ha spiegato l’assessore pugliese – riguarda le modalità migliori per poter contrastare il caporalato – fenomeno che nel passato è entrato purtroppo nel ‘bagaglio’ dell’impresa agricola – incidendo attraverso due modalità.

La prima leva è quella di riconoscere un ‘valore etico’ alle aziende che impiegano manodopera, ancorché stagionale, in modo regolare e rispondente alle normative. Lo si può fare agendo su ogni genere di fruizione di fondi pubblici: da quelli europei alle risorse regionali. L’importante è che gli indici o i parametri adottati per valutare i requisiti dell’impresa che accede a fondi pubblici siano dinamici, tengano cioè conto dei cambiamenti di metodologie di coltivazione e raccolta e delle innovazioni tecnologiche.

La seconda leva –ha proseguito il coordinatore della Commissione Agricoltura della Conferenza delle Regioni – deve incidere, come abbiamo sperimentato in Puglia, su quelle caratteristiche che finora hanno costituito dei punti forza del caporalato: trasporti e ospitalità, Il “caporale” – ha spiegato Di Gioia – fa affari approfittando proprio di alcune carenze pubbliche. Va organizzata, almeno in certi periodi, un’articolazione  del trasporto pubblico locale che metta in collegamento il personale migrante, soprattutto stagionali, con i luoghi di lavoro. E vanno incentivate le aziende in un’azione di collaborazione con il livello pubblico per la creazione di adeguati alloggi temporanei.

Si tratta di azioni – ha concluso Di Gioia – che possono portare al rafforzamento di una rete di qualità, giacché determinati comportamenti non sono solo discutibili sul piano morale, ma arrecano un grave danno all’agricoltura e all’industria alimentare italiana di qualità”.

Al termine dell’audizione l’assessore Di Gioia ha garantito alla commissione Agricoltura del Senato l’invio di ulteriori materiali di documentazione da parte degli assessorati regionali e il necessario collegamento anche con la commissione Lavoro della Conferenza delle Regioni.