4 dicembre 2016

Acqua pubblica, Daga, M5S: “Il governo vuole privatizzare tutto, più importante produrre utili che garantire il servizio”

Federica Daga, deputata del Movimento 5 Stelle, è intervenuta ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it) .

La discussione sull’acqua pubblica in Parlamento comincia con una pioggia di polemiche. Il Movimento 5 stelle e Sel accusano il Pd di volere smontare l’impianto della proposta di legge che inizia oggi il suo cammino parlamentare che appare già molto incidentato. Federica Daga è prima firmataria della proposta di legge sull’acqua pubblica.In questi giorni discutiamo gli emendamenti fatti alla proposta di legge dai comitati –ha spiegato Daga-. Ci sono una serie di emendamenti della maggioranza che stanno cercando di distruggere quello che è lo scheletro della legge. Vogliono riportare la gestione a società per azioni. In questo momento sono in discussione in Parlamento anche alcuni decreti che vengono dal ddl Madia e si sta dicendo che per tutti i servizi a rete non si potranno utilizzare società pubbliche, bensì società per azioni. Nella stabilità 2015 c’erano incentivi per far vendere partecipate ai Comuni. Questo sta portando alla privatizzazione dell’acqua, c’è un’ideologia di fondo del governo a favore delle privatizzazioni. I comuni sono in grado di gestire l’acqua, ci sono tanti esempi di comuni che riescono a fornire il servizio migliaia di abitanti a prezzi molto contenuti. Anche Napoli sta riuscendo a gestirla pubblicamente, con difficoltà ma lo sta facendo. A Roma invece c’è un’azienda che se vuoi mettere bocca devi diventare azionista perché è una società quotata in borsa. Nel momento in cui l’acqua viene gestita dagli enti locali la tariffa è buona, quando viene privatizzata, come ad Arezzo e Latina, la bolletta può aumentare anche di 3 volte. La bolletta è un guadagno assicurato e dato che il governo dice che abbiamo una tariffa molto bassa rispetto a quella europea, per allinarsi alle tariffe medie europea. Noi però abbiamo uno stipendio di un certo tipo rispetto a quello di altri paesi europei. Devo produrre utili o riuscire a garantire l’acqua a tutti?”.

Fonte: Radio Cusano Campus