10 dicembre 2016

Roma – Omicidio Varani, l’avvocato di Foffo: “Vuole collaborare, è stato lui a far arrestare l’altra persona”

L’avvocato Andreano, legale di Manuel Foffo (uno dei due assassini che ha confessato l’omicidio del 23enne Luca Varani a Roma) è intervenuto su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

L’Avvocato Andreano ha precisato alcune cose in merito alla posizione del suo assistito: “Al momento non so dire se ci sono differenze tra le posizioni dei due indagati (Foffo e Marco Prato, ndr). Ci sono le indagini in corso, il fatto è successo da poco, gli atti sono secretati. Questa mattina incontrerò il mio assistito, che comunque fin dal primo momento si è dimostrato pentito. Ha deciso di costituirsi, ha raccontato tutto quello che si ricordava al PM, anche se era molto confuso. Ed è riuscito a far individuare l’altro complice. In qualche modo gli ha salvato la vita perché stava cercando di suicidarsi? Così dicono, lui ha collaborato alle indagini, è stato lui a far arrestare l’altra persona”.  

Come procederà il processo?  “Prima della perizia psichiatrica chiederemo tutti gli esami tossicologici, oggi stesso –ha affermato Andreano-. Poi, ovviamente, chiederemo anche una perizia psichiatrica”.

La questione della cocaina potrà incidere a livello processuale? “Da un punto di vista tecnico –ha sottolineato Andreano- assumere sostanze stupefacenti è un’aggravante, ma se questo uso è così massiccio al punto di renderlo incapace di intendere e volere in quel momento, lo scenario diventa diverso. Si apre la possibilità dell’incapacità, seppur parziale, di intendere e volere. Faremo fare ai tecnici e a chi di questa materia è a conoscenza degli specifici elaborati”.

Fonte: Radio Cusano Campus