5 dicembre 2016

Genchi: “De Magistris a Napoli sta facendo miracoli”

GRILLO BEPPE E DE MAGISTRIS LUIGI TENGONO UNA CONFERENZA STAMPA PRESSO IL PARLAMENTO EUROPEO A STRASBURGO PER PARLARE DELLO SPRECO E CATTIVO UTILIZZO DEI FONDI EUROPEI IN ITALIA E PER PROPORRE IL BLOCCO DELLO STAZIAMENTO DI QUESTI ULTIMI - GRILLO BEPPE E DE MAGISTRIS LUIGI TENGONO UNA CONFERENZA STAMPA PRESSO IL PARLAMENTO EUROPEO A STRASBURGO PER PARLARE DELLO SPRECO E CATTIVO UTILIZZO DEI FONDI EUROPEI IN ITALIA E PER PROPORRE IL BLOCCO DELLO STAZIAMENTO DI QUESTI ULTIMIag. FOTOGRAMMA ph. EUROCYCLOPE; luogo: STRASBOURG; data: 20071113p.s. la foto è utilizzabile nel rispetto del contesto in cui è stata scattata, e senza intento diffamatorio del decoro delle persone rappresentate - Fotografo: FOTOGRAMMA

Gioacchino Genchi, vicequestore aggiunto della polizia e consulente informatico, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Genchi e il sindaco di Napoli De Magistris sono stati assolti dall’accusa di abuso di ufficio, in relazione all’acquisizione illecita, avvenuta nel 2006 nell’ambito dell’inchiesta calabrese Why Not. Genchi ha commentato l’operato di De Magistris come sindaco di Napoli. “Considerando le difficoltà nell’amministrare una città come Napoli, De Magistris sta facendo dei miracoli –ha affermato Genchi-, specialmente alla luce di ciò che si sta vedendo in questi giorni con le primarie del Pd. Questo non fa altro che far emergere la pulizia morale di una figura come De Magistris, che è sicuramente al di sopra di questo, che è stato eletto da una società civile che si è ribellata e ha fatto una scelta al di fuori dei partiti. Non posso non considerare la grande onestà di un uomo che si è dimesso dalla magistratura e da deputato europeo. Sono rammaricato per la sua scelta iniziale di entrare in politica e di non resistere all’interno delle istituzioni. Io sono accusato delle cose più nefande durante la mia carriera e sono riuscito sempre a dimostrare la mia estraneità e chi mi ha accusato è stato rinviato a giudizio per calunnia. Le istituzioni, per chi ci crede, alla fine ripagano”.

Sulle mafie. “La capacità di catalizzazione e di coinvolgimento sul piano internazionale che ha l’organizzazione criminale calabrese è superiore a tutte le altre mafie –ha affermato Genchi-. Mentre si continuava a parlare di mafia, di antimafia, di collusione tra mafia e politica, si sottovalutavano le espansioni della criminalità calabrese, di cui non si parlava. In Sicilia è nata la mafia, ma dopo le stragi del 1992 si è eretta una coscienza civica che ha capito la grande differenza che c’era tra la mafia e l’antimafia. In Calabria questa coscienza civile non c’è. A cominciare dalle scuole, non si è investito nella crescita culturale delle nuove generazioni. Oggi vedo la presenza di tanti operatori delle forze dell’ordine che pensano e agiscono in maniera diversa rispetto a prima, c’è una grande crescita culturale. Oggi tutte le forze dell’ordine sono esperte di informatica, hanno un approccio tecnologico e scientifico con il contrasto alla criminalità. Quando Falcone si rese conto che c’era un’omertà diffusa e che la gente non collaborava con i magistrati, capì che bisognava arrivare alla testa del fiume. Lui vedeva il patrimonio e faceva l’indagine al contrario, cercando di capire come quel patrimonio si è formato. Nel momento in cui si accorgeva che le fonti erano sospette e non giustificate, aggrediva il patrimonio. Questa è una crescita indubbia delle forze dell’ordine”.

Fonte Radio Cusano Campus