3 dicembre 2016

Tennis: Maria Sharapova positiva all’antidoping

Maria Sharapova ha annunciato in una conferenza stampa tenutasi a Las Vegas di essere positiva all’antidoping.
La Federazione Internazionale (ITF) ha comunicato che il 26 gennaio in occasione degli Australian Open, la campionessa siberiana è stata sottoposta a test antidoping risultando positiva al meldonium. In attesa di provvedimenti la tennista è sospesa da ogni attività.
Sharapova ha ammesso di aver assunto il meldonio, dichiarando: “Ho preso questa sostanza dal 2006, un farmaco chiamato mildronate ma che è il meldonium, a causa di una serie di problemi di salute. Mi ammalavo spesso e avevo una carenza di magnesio dovuta a un principio di diabete ereditario. Quello è uno dei farmaci, insieme ad altri, che mi erano stati prescritti dal mio medico personale. Comunque la colpa è mia, il corpo è mio e la responsabilità è mia. Ho commesso un errore enorme”
Ma soprattutto non aveva letto la lettera, ricevuta il 22 dicembre 2015, dall’ITF che aggiornava l’elenco delle sostanze dopanti con l’inserimento del meldonium.
Masha rischia una squalifica a due anni che potrebbero ridursi forse a sei mesi se si terrà conto dell’ammissione della propria responsabilità, dopo la sentenza potrà fare appello al Tas di Losanna.
Quindi la conferenza stampa non era stata organizzata per annunciare altre notizie come Masha stessa dice: “So che molti si aspettavano che annunciassi il mio ritiro, ma non lo avrei mai fatto in un hotel di Los Angeles, con questo tappeto francamente brutto”.
E’ grande lo sconcerto del mondo del tennis a partire da Steve Simon, Ceo della WTA, che dice di essere molto amareggiato e soprattutto è grande la delusione delle migliaia di fan che hanno sostenuto in 14 anni di carriera Maria Sharapova.
Un simbolo del tennis: vincitrice di Wimbledon a 17 anni, n.1 del ranking mondiale a soli 18 anni e vincitrice dei 5 tornei del grande slam.
Un’icona mediatica seguita da 2 milioni di fan su Twitter e da 1,5 milioni su Instagram, capace di raccogliere 15 milioni di “like” su Facebook.
Sarebbe triste dover raccontare, oggi, la storia di una giocatrice che abbandona una grande carriera sportiva per una storia di doping inconsapevole. I fatti aiutano a dubitare e la prova della sua onestà l’avremo aspettando pazientemente il suo ritorno sui campi, dove avrà la possibilità di lasciarsi alle spalle questa brutta storia e di dimostrare che le vere vittorie arrivano “giocando pulito”.