2 dicembre 2016

Storace: “Frase sui Marò? Se si fa polemica per una battuta, avanti un altro”

Francesco Storace, leader de La Destra e candidato sindaco a Roma, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ecg Regione”, condotta da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Storace a Radio Cusano Campus: “Frase sui marò? Se si fa polemica per una battuta, avanti un altro. Berlusconi? Primarie con il candidato unico sono una cosa da regime sovietico”

Riguardo il referendum confermativo sulla candidatura di Bertolaso a sindaco di Roma per il centrodestra. “Mi chiedo se da qualche parte, nei loro regolamenti, ci sia scritto se è possibile formare i comitati per il no a Bertolaso –ha affermato Storace-. Ho qualche dubbio in proposito. Secondo me tireranno fuori una scheda che dirà: siccome Bertolaso è il più bravo del mondo, dicci che cosa vorresti facesse. Non si pongono proprio il problema del dubbio dei cittadini rispetto a un candidato impresentabile. Alcune fonti all’interno di Forza Italia mi hanno detto che avrebbero deciso di anticipare le consultazioni a questo fine settimana, per evitare l’arrivo delle mie truppe cammellate a votare no. Voglio rassicurarli che non ci penso per niente, perché a una consultazione poco seria non è serio partecipare. Mi meraviglia che un uomo che ha avuto la genialità nella comunicazione come Berlusconi, incorra in un errore del genere. Le primarie col candidato unico sono una cosa da regime sovietico. Sono sintonizzati su un altro pianeta. Il tempo per le primarie vere è abbondantemente scaduto, hanno fatto una scelta contro gli elettori e la pagheranno alle urne”.

In merito alla sua dichiarazione sulla chiusura dei ristoranti indiani in Italia, qualora l’India non rilasciasse i Marò. “Hanno preso 10 secondi di un discorso di un’ora –ha spiegato Storace-. Io ho parlato del programma per la città e quella frase veniva dopo un riferimento a quello che è successo a un ragazzo torturato in Egitto, a quello che è successo ai nostri connazionali in Libia, quindi al tema della dignità nazionale. Se poi si fa polemica su una battuta, avanti un altro. La mia era l’affermazione di un rifiuto alla sottomissione nel nome della dignità nazionale, noi siamo sotto ricatto perché ci sono due nostri connazionali ostaggi di un Paese lontano e c’è un governo che non reagisce. Dei Marò non ne parlava nessuno”.

Sulla vittoria di Giachetti alle primarie. “E’ una vittoria amara –ha affermato Storace-. perché loro stessi hanno denunciato la scarsa affluenza. Anche se 40mila persone sono sempre più delle tre che hanno deciso di candidare Bertolaso, rimanendo poi in due. Salvini? Non so cosa vuole fare. Se si schiera con Bertolaso o Marchini, mi sembra che perda molto di quel potenziale innovativo che la Lega ha voluto mettere in campo con scelte coraggiose dal punto di vista politico”.

Fonte: Radio Cusano Campus