6 dicembre 2016

Riccardo Noury, Amnesty International: “Spose bambine, fenomeno più grande di quanto si pensi”

BAMIYAN, AFGHANISTAN - OCTOBER 14: Afghan bride Zahara, 24, (C) get sready for the wedding ceremony surrounded by female family members at a local beauty parlor October 14, 2010 in Bamiyan, Afghanistan. At local beauty salons, behind drawn curtains, isolated from the males, Afghan women spend hours getting ready for engagement parties and weddings. In accordance with Afghan culture the men are required to be segregated from the women with the exception of the bride and groom. (Photo by Paula Bronstein /Getty Images)

Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Il mondo è piccolo”, condotta da Fabio Stefanelli su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Amnesty International ha promosso la campagna “Mai più spose bambine”, contro i matrimoni precoci e forzati. Ogni anno, secondo le Nazioni Unite, le minorenni costrette a sposarsi con uomini molto più anziani di loro sono 13,5 milioni. “C’è una correlazione enorme tra matrimoni forzati precoci e mortalità materna –ha affermato Noury-. E’ evidente che quando una bambina di 10 anni viene data in sposa a un uomo che prova a metterla incinta, il suo corpo non ce la fa. A partire da oggi faremo tante iniziative, in particolare in Burkina Faso, che è uno dei Paesi africani dove il fenomeno è più diffuso, ma dove stiamo ottenendo risultati importanti insieme al governo, che ha introdotto leggi contro i matrimoni precoci. Non c’è ancora una raccolta d’informazioni a tutto tondo, quindi il fenomeno non lo conosciamo nella sua portata totale. Il tema della violenza contro le donne è un tema globale. Dalle nostre parti ci sono fenomeni più nascosti come la violenza domestica e da questo punto di vista bisogna fare qualcosa, perché le sanzioni ci sono, ma dal punto di vista della prevenzione e della protezione non ci siamo ancora”.

Fonte: Radio Cusano Campus