6 dicembre 2016

Roma – Luxuria: “Delitto di Roma? Assurdo parlare di eterofobia.”

Vladimir Luxuria è intervenuta su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Luxuria ha commentato l’omicidio di via Igino Giordani: “Quest’omicidio va commentato come si commentano i crimini efferati. Un omicidio che avviene per il gusto di uccidere, è una cosa inconcepibile. Mi dà molto fastidio che ci sia qualcuno che a questa storia vuole dare un’etichetta sessuale. C’è già chi parla di eterofobia, questa è una assurdità. Io credo che quando c’è la follia non la si può razionalizzare attraverso un orientamento sessuale. Non credo che la coppia che andava in giro a buttare acido sui ragazzi possa essere identificata come eterosessuale. Questi sono dei pazzi, hanno scelto la vittima e hanno compiuto questo delitto tremendo. Bisogna stare in guardia dai party chimici.  C’è questa nuova moda in cui si organizzano festini privati in casa e si consumano droghe a livelli eccessivi. Bisogna stare molto attenti a questi fenomeni. Tutta la nostra comunità è sotto choc per quanto accaduto”.

Luxuria ha poi parlato dei giochi gay, che arriveranno a Roma nel 2019: “Avevamo già avuto l’incoraggiamento di Malagò, sempre in prima linea per sottolineare che lo sport deve essere educativo, contro ogni discriminazione e contro l’omofobia. Io sono riuscita ad aggiudicare nel 2019 Roma come sede degli Eurogames, una realtà che esiste già da diversi tempi. Preciso delle cose: è vero che sono gay games, ma sono aperti a tutti. E per quanto riguarda i soldi, bisogna sottolineare che questo evento verrà finanziato quasi totalmente da sponsor privati”.

Luxuria poi ha parlato delle prossime elezioni a Roma: “La dichiarazione di Storace sulla chiusura dei ristoranti indiani? A volte qualcuno crede di dire delle cose di destra, sarebbe invece il caso di dire delle cose sensate. Ora sappiamo chi è il candidato del PD, chi è il candidato dei Cinque Stelle, nel centrodestra è rimasto Bertolaso? Io spero solo che si faccia una campagna elettorale per gli interessi di questa città, mi vergogno che sia una città che oggi si presenta in questo stato. Giachetti lo conosco, nei miei due anni di esperienza parlamentare ho avuto modo di parlare con lui, è una persona molto aperta, credo sia uno a favore dei diritti civili, contro l’omofobia. Sulla carta dovrebbe esserlo anche Virginia Raggi, ma si è visto che quelli del Movimento Cinque Stelle non sono poi così affidabili. Si candida anche Adinolfi? Lui è disperato, sperava tantissimo che passasse la stepchild adoption, perché ci avrebbe fatto una campagna pazzesca. Il fatto che non sia passata, invece, ha stemperato le sue armi”.

AUDIO http://www.radiocusanocampus.it/podcast?prog=1517&dl=7187

Fonte: Radio Cusano Campus