6 dicembre 2016

Cerveteri – Governo Civico: “Campo di Mare ha già pagato lo scotto di una politica assente”

Apprendiamo dalle dichiarazioni fatte alla stampa da Unità Democratica una verità inequivocabile: c’è ancora una parte della politica cerveterana che vorrebbe condannare Campo di Mare ad altri anni, forse altri decenni, di totale immobilismo.
Noi di Governo Civico per Cerveteri la pensiamo in modo molto diverso. Crediamo che i cittadini di Campo di Mare abbiano già pagato lo scotto, per oltre quarant’anni, di una politica assente o, peggio, arroccata nel difendere gli interessi di pochi a discapito degli interessi di tutti.
Contro questo immobilismo, e contro gli interessi celati dei “potentati locali”, i Consiglieri di Governo Civico, insieme a tutti gli altri Consiglieri della Maggioranza Esserci, hanno bocciato compattamente la mozione presentata in Aula dai Consiglieri Orsomando (Forza Italia) e De Angelis (aderente alla corrente del PD Unità Democratica). Una mozione che chiedeva una cosa inaccettabile, oltre che completamente fuori dalle leggi: interrompere ogni dialogo con la società Ostilia fino alla conclusione dei procedimenti di indagine che vedono coinvolto il Gruppo Bonifaci, a cui Ostilia è legata.
Secondo Orsomando e De Angelis, l’Amministrazione comunale dovrebbe prendere i problemi di Campo di Mare e metterli qualche altro anno dentro un cassetto. Come se non ci fossero rimasti già abbastanza a lungo. Ci dispiace ma ciò non è possibile: Orsomando e De Angelis dovranno farsene una ragione.
L’Amministrazione Pascucci ha già presentato e approvato in Consiglio comunale due degli annunciati atti che porteranno definitivamente alla risoluzione dei problemi urbanistici che hanno bloccato Campo di Mare in tutti questi anni. Il percorso non si fermerà. Siamo pronti a discutere e ad approvare in Aula tutti gli altri atti necessari, che saranno presentanti nel corso del corrente anno.
Chi vuole che questo percorso abbia una battuta d’arresto non sta tutelando i diritti degli abitanti di Campo di Mare, bensì gli interessi di altri.
Per quanto si possa cercare di confondere le acque e apostrofare con aggettivi quali “illegale”, “ipocrita”, “omertoso”, ai cittadini balza immediatamente agli occhi un’unica verità: la partita su Campo di Mare comprende molto più che una divergenza di vedute su quali strumenti amministrativi utilizzare per risolverne i problemi.
È in corso un vero e proprio tentativo di ostacolare a tutti i costi il raggiungimento dell’obiettivo. Un tentativo che va avanti da tanto tempo, e che non ha perso occasione di cavalcare ogni tipo di battaglia. Si ricorderanno i volantini e i manifesti anonimi zeppi di falsità sulla questione balneare. Si ricorderà la famosa “pregiudiziale” (anche questa sonoramente cassata) presentata dalla coppia Orsomando-De Angelis per impedire all’Amministrazione di portare in Aula i primi atti del percorso risolutivo per Campo di Mare. Si ricorderanno i funambolici tentativi di cogliere in fallo “Pascucci e i suoi scudieri” (che, a quanto pare, saremmo noi) sulla Questione Morale: una questione che probabilmente questa gente ha interpretato nel modo sbagliato. Tutto falso. È solo la macchina del fango attivata per distogliere i cittadini dal vero nocciolo della questione.
Ma qual è il nocciolo della questione? Semplice. È che l’Amministrazione Pascucci, con l’avvallo di tutta la Maggioranza, è la prima amministrazione di Cerveteri che sta portando avanti una strategia per sottrarre ad Ostilia ettari ed ettari di terreno, oggi privato, che diventerà pubblico. Stiamo parlando di strade, aree verdi, servizi. Stiamo parlando di quegli standard urbanistici che mancando completamente (perché le vecchie amministrazioni hanno mancato di ottenere) hanno impedito la normalizzazione della Frazione, lo sviluppo dei servizi, come il lungomare, e hanno costretto per quarant’anni i cittadini a temere che da un giorno all’altro qualcuno gli potesse portare via casa.
Governo Civico crede fermamente che sia arrivata l’ora di dare a questi cittadini delle risposte concrete.
Sul tema della legalità e della trasparenza, sulla famosa Questione Morale, crediamo di non poter prendere lezioni da nessuno. Nel 2012 Governo Civico ha denunciato un comprovato tentativo di corruzione per una mazzetta da 375.000 euro offerta ad Amministratori locali di Cerveteri in cambio della possibilità di costruire un complesso residenziale in zona agricola. Le indagini non si esaurirono nemmeno per sogno in un nulla di fatto, come vorrebbe farci credere qualcuno, ma in ben due patteggiamenti e tre condanne in primo grado. Contro ogni buon senso, però, alcuni politici vicini al Partito Democratico (per fortuna una minoranza) hanno gridato e tutt’oggi gridano ancora allo scandalo rivolgendo parole infamanti contro Governo Civico, contro chi ha denunciato, contro chi ha avuto il coraggio di indignarsi.
E che dire di Orsomando, che sulla medesima vicenda, quando nel 2012 si trattò di annullare tutti gli atti legati a quella vicenda di corruzione, si astenne e non votò a favore dell’annullamento? Un atteggiamento davvero poco coerente da parte di chi, da qualche tempo, si erge a paladino della legalità.
Lo ribadiamo ancora una volta: Campo di Mare andrà avanti. Non ci faremo intimidire.
Governo Civico per Cerveteri