9 dicembre 2016

Roma – I Vigili salvano tassista da giovani ubriachi, un arresto

Stava diventando una brutta serata per un tassista romano lo scorso sabato sera intorno all’una, dopo aver preso a bordo quattro giovani ventenni in via Prenestina: sfide e provocazioni, goliardia, prese in giro e vessazioni continue.
Gia subito dopo la partenza avevano iniziato a “fare i bulli”, i giovani, tutti romani abitanti al Pigneto, uno dei quali figlio di madre tunisina e padre egiziano (peraltro con cittadinanza italiana da soli due mesi), la facevano da padroni, pieni di birra e con tante lattine in mano: “Accelera, sei una lumaca”; “Aoh, passa col rosso!”;”La mancia nun te la diamo, anzi manco te pagamo…”; tutto condito da ogni tipo di presa in giro, addirittura fino a schiaffi provocatori dietro la nuca del guidatore.
Il tassista, oramai terrorizzato, ha “abbozzato”, facendo finta di niente e sopportando le vessazioni, dirigendosi in via Cilicia, dove sapeva che ogni notte esiste un Autovelox della Polizia Locale.
Giunto davanti alla pattuglia della Polizia di Roma Capitale (tre uomini e una donna), l’uomo ha arrestato il taxi chiedendo aiuto: i giovani, scesi subito dall’auto e molto alterati, alla richiesta dei documenti degli agenti hanno dapprima spavaldamente rifiutato poi, uno dei quattro, il neo cittadino italiano, ha tentato di allontanarsi: vista la determinazione degli agenti, ha cominciato a reagire proferendo frasi oltraggiose: “Siete delle m….” “Io c’ho i soldi, a voi vi rovino”, e ancora “Siete la Municipale, non contate un c….”, tentando anche di colpire uno dei Vigili. Al tentativo di aggressione il giovane è stato immediatamente arrestato e messo in condizione di non nuocere, nonostante di dimenasse furiosamente anche a terra. Gli altri tre, vista la situazione, hanno saggiamente ritenuto di non aggravare la loro posizione: all’arrivo dei rinforzi, poco dopo, i quattro sono stati tutti portati presso il Comando del GPIT (Gruppo Pronto Intervento Traffico), tassista compreso, per le necessarie deposizioni.
Tre dei giovani, smaltita la sbornia e identificati, hanno lasciato il Comando dopo poche ore, mentre per il giovane protagonista della colluttazione la posizione è grave: è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per rifiuto di generalità, oltraggio, resistenza, violenza e minacce a Pubblico Ufficiale.
About Emanuele Bompadre 8279 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.