26 febbraio 2017

Frosinone – Passerelle pedonali pericolose per chi ne usufruisce

Le passerelle pedonali metalliche poste ai lati del ponte sul fiume Cosa di viale Roma realizzate molti anni fa,  che inevitabilmente risentono del tempo trascorso, versano ormai in pessime condizioni.  A dirlo è  Paolo Cioè che si è fatto portavoce del disagio dei cittadini.

La pavimentazione in legno delle passerelle, presenta tratti in cui i listelli sono stati completamente divelti oltre gli evidenti danni, mostrano anche tutta la loro vetustà e il loro cattivo stato di conservazione, insomma pericoli quasi ad ogni passo. Transitare lì significa specializzarsi in slalom, soprattutto perché nei giorni di pioggia gli assi di legno diventano totalmente viscidi e  sdrucciolevoli che sembra di camminare su una lastra di ghiaccio.

È di tutta evidenza che negli ultimi anni la pavimentazione  non è mai stata oggetto di manutenzione  come la riparazione, o la sostituzione delle doghe di legno tale da offrire una maggiore resistenza al calpestio di flussi di pedoni. Tale passerelle vengono soprattutto utilizzate dagli studenti delle attigue scuole, da persone anziane e da mamme con i passeggini. Nello stato in cui versano, rappresentano un serio pericolo per l’incolumità delle persone oltre che una fonte di indecoroso degrado per la città. Eppure stiamo parlando di un punto molto importante della città capoluogo, a due passi da De Matthaeis, dal grattacielo, e da numerose scuole.

Che si aspetta per intervenire per eliminare ogni pericolo? Soprattutto non aspettiamo che accada qualcosa di grave per correre ai ripari, la pericolosità di queste passerelle è nota a tutti e molti cittadini sollecitano a fare qualcosa, anche se la decisione finale è di competenza degli amministratori.

Continuare ad ignorare l’attuale problematica è inaccettabile. Mi auguro che qualcuno riesca a chiarire ed a risolvere tale situazione di pericolo, che ormai si protrae da troppo tempo, garantendo così la sicurezza di quanti transitano sulle passerelle di legno evitando ulteriori rischi di incidenti dovuti alla negligenza della pubblica amministrazione.

Paolo Cioè