5 dicembre 2016

Napoli-Chievo 3-1: ritorno alla vittoria con il solito immenso Higuain!

Il Napoli volta pagina e ritorna alla vittoria liquidando il Chievo con un netto 3-1; va detto subito che il risultato non offre una rappresentazione fedele dell’andamento della partita: gli uomini di Sarri ,  dopo l’erroraccio del rumeno Vlad che, facile a dire, aveva gelato il sangue dei tifosi azzurri ed  illuso i clivensi, riprendevano subito in mano le redini della partita con il solito immenso Higuain che, cinque minuti dopo, di piatto insaccava la palla dell’1-1  e sempre con Chiriches che si faceva immediatamente perdonare siglando di testa al 38′ la rete del 2-1  spianando, di fatto, la strada verso la vittoria; per mettere le cose definitivamente a posto occorreva attendere il 70′ con Callejon che fissava il definitivo 3-1 al termine di una manovra perfetta costruita con una fitta rete di passaggi iniziati dalla propria metà campo, vero marchio di fabbrica di Sarri. Il Napoli visto ieri sera è stato quello di sempre, la splendida macchina da gioco che non ha mai smesso di esserlo nemmeno durante i giorni nefasti di Febbraio, ha dominato il gioco in lungo e largo facendo possesso palla con percentuali degne del miglior Barcellona, ha collezionato decine di palle goal , colpito una traversa con un poderoso tiro di Higuain e non si pensi che il Chievo sia  venuto al S.Paolo per  fare una gita di piacere, tutt’altro, la squadra di Maran ha lottato con il coltello tra i denti per tutti i 90 minuti operando un pressing asfissiante, rallentando i ritmi solo al termine della gara quando ormai  il risultato era impossibile da ribaltare ed il fallo da dietro all’82’ di Meggiorini su Ghoulam, giustamente sanzionato dall’arbitro con un cartellino giallo, è l’immagine simbolo di come i veronesi abbiano affrontato la sfida. Il dopo gara ha visto il solito affannoso tentativo di qualche ipercritico di professione che, invece di puntare i riflettori sull’eccellente prestazione degli azzurri, ha cercato di evidenziare una  colpa di Reina sulla rete di Rigoni fingendo, probabilmente, di vedere come il mancato intervento del portierone azzurro sia dipeso dal fatto che il piede d’appoggio, scivolando sul terreno nel momento in cui si distende con il corpo, impedisce la parata oppure interpretando al contrario, come rimprovero anzichè come incitamento verso i calciatori, uno striscione esposto  dagli “ultras” in curva  per concludere  con uno stucchevole tentativo di trovare la spiegazione psicologica dell’uscita in campo del “Pipita” senza prima aver cantato sotto la curva  ” un giorno all’improvviso…” !! Il Napoli è tornato a vincere e convincere, continuerà a sognare e lottare per lo scudetto, signori critici fatevene una ragione.