10 dicembre 2016

Calcio – Serie A, Evra ha un pensiero fisso: “Il quinto Scudetto”

Non sono mai dichiarazioni banali, quelle di Patrice Evra. In ogni frase c’è la sua esperienza, il suo carisma e la sua leadership. È stato così nei primi mesi, più difficili, è così anche adesso che la Juve corre in testa alla classifica: «Non ci vedo niente di strano, tempo fa avevo detto che avremmo rispettato il DNA di questa squadra vincendone almeno 10 di fila. È successo ma il difficile viene adesso, le ultime partite saranno da vincere tutte, come se fossero dieci finali».

Il segreto di questa cavalcata è nei dettagli: nei gol di giocatori che segnano e talvolta giocano di meno, ma anche nei recuperi difensivi come quello visto da Mandzukic nel secondo tempo: «Non mi sorprende vedere Mario che rientra in difesa: per vincere bisogna essere tutti al massimo», spiega Patrice, che “rincara la dose”: «Non voglio sentir parlare di stanchezza, io ho solo il quinto scudetto nella testa, ci penso tutti i giorni, questa è la nostra motivazione».

Stessa musica se si parla di Europa: «Dobbiamo essere all’altezza di quello che abbiamo dimostrato lo scorso anno, arrivando in finale. E quindi bisogna andare a Monaco per vincere e passare il turno. Se non avessi questa convinzione, chiederei al Mister di lasciarmi fuori contro il Bayern»

E poi aggiunge: «In Italia vincere è ancora più difficile: qui serve intelligenza, oltre che talento. Si difende in modo incredibile, si deve essere pronti tatticamente, io a 34 anni continuo a imparare tutti i giorni, ed è una cosa per cui non smetterò mai di ringraziare la vostra nazione, che mi ha accolto 17 anni fa».

Ultimo pensiero per il suo connazionale Lemina: «Sono felice per lui, ha avuto una stagione difficile dopo un grande inizio. Adesso dovrà essere decisivo, perché a questo punto si vince con tutta la rosa, e questa deve essere la nostra forza».

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5989 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.