5 dicembre 2016

Calcio – Serie A, Spalletti: “Contento ma ora piedi per terra”

Luciano Spalletti è felice del successo della Fiorentina ma sostiene che ora la squadra deve tenere i piedi per terra e proseguire il suo percorso vincente.

Il tecnico giallorosso al termine della gara dell’Olimpico ha sottolineato come la sua Roma abbia fatto una prestazione di alto livello ma allo stesso tempo ritiene fondamentale rimanere concentrati per proseguire nel percorso di crescita che sta mostrando la squadra.

“Sono contente perché abbiamo fatto una grandissima partita stasera”  ha detto Spalletti. “Ora piedi per terra e si va avanti: dobbiamo proseguire il nostro cammino migliorando un passo alla volta, come fatto finora”.

Mister, oggi abbiamo visto un’ottima Roma…

“Sì, noi vogliamo giocare a calcio, divertirci e divertire. Quando si fanno risultati così importanti diventa tutto più gustoso. Stasera abbiamo meritato contro un grandissimo avversario. Vanno fatti i complimenti ai giocatori della Roma, che hanno fatto la cosa più difficile, cioè togliere il possesso palla alla Fiorentina, che è maestra in questo. Nel secondo tempo loro hanno poi accusato un po’ la fatica: oltre al risultato, sul loro calo ha influito anche come è stato condotto il primo tempo, dove il pallino lo abbiamo tenuto noi e loro hanno faticato un po’ di più del dovuto”.

E’ giusto dire che avete vinto tatticamente?

“La Fiorentina di solito porta Alonso alto sulla linea degli attaccanti ed è bravissima di solito a fare questo gioco. Ma noi, oltre che pressarli, oggi siamo stati bravi a rubar palla e a ripartire subito, senza dare a loro modo di rimettersi bene. In questo El Shaarawy e Salah sono stati infatti molto bravi a ribaltare l’azione una volta presa palla: loro hanno gamba e poi c’è Pjanic che palleggia bene e sa servirli al meglio”.

La prova di Salah?

“Salah è un grande giocatore, se si mette nella condizione di ricevere palla in velocità e di attaccare negli spazi è devastante. Lui ha una grande velocità che unisce alla sua tecnica”.

Keita è stato determinante per tenere l’equilibrio della squadra?

“Sì, Seydou è stato bravo: ha fatto valere la sua esperienza e la sua fisicità e ha fatto una grande gara. È stato attento soprattutto agli uomini che giocano nella trequarti, da Ilicic a Bernardeschi. Riusciva a non far spaccare la difesa, ha fatto un lavoro straordinario”.

Come valuta l’impatto di Totti sulla partita?

“È entrato bene in gara. Ha dato qualità, ha fatto metri ed è stato poi sfortunato sul calcio di punizione…”.

Rimpianto per aver affrontato la Juventus prima?

“Io dico che noi, come detto, dobbiamo proseguire a fare un passo alla volta nella nostra crescita. Finora abbiamo infatti sempre guadagnato terreno nei passi fatti: dobbiamo proseguire così”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5944 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.