11 dicembre 2016

Nettuno – Santori, FDI-AA: “Esposto alla corte dei conti sui numeri civici”

“Sulla vicenda dei numeri civici di Nettuno ci voglio vedere chiaro. E’ per questo che, come avevo promesso, ho presentato un esposto alla Corte dei Conti. Ci sono voluti 1 milione e 500 mila euro a carico del bilancio comunale e dunque a carico dei cittadini perché fosse sistemata la nuova numerazione e, adesso, le mattonelle in ceramica bianche e blu fanno bella mostra di sé accanto alla vecchia numerazione. Oltre ai fondi stanziati in bilancio stanno arrivando a carico dei cittadini i bollettini aggiuntivi di pagamento per un importo complessivo intollerabile. Dunque ai cittadini non solo viene chiesto di pagare il costo di 54 euro a piastrella, ma i nuovi civici stanno portando solo disagi. Numerosi sono i dubbi sul contratto di affidamento del servizio, sul rispetto della tempistica, sulla qualità e quantità delle mattonelle di numerazione, nonché sulla manodopera utilizzata e relativi costi. Qualcosa non va, ed è per questo che ho chiesto alla Corte dei Conti che sia verificata la corretta applicazione delle procedure”. E’ quanto dichiara Fabrizio Santori, consigliere di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale in Regione Lazio.

“I cittadini di Nettuno e al loro fianco il movimento Città Futura, – continua Santori – sono insoddisfatti di come il servizio sia stato espletato e della prassi utilizzata rispetto al capitolato speciale d’appalto. Non è stata effettuata la raccolta e lo smaltimento della vecchia numerazione, mentre continuano a coesistere i vecchi numeri insieme ai nuovi. Non si sa che cosa ne sia stata della banca dati per aggiornare i software comunali che la ditta appaltatrice doveva fornire, così a tutt’oggi permangono sui documenti i vecchi numeri civici, creando non pochi problemi al servizio postale. La ditta avrebbe dovuto predisporre lettere informative per i cittadini interessati a variazioni di indirizzo. Missive mai arrivate. Se nel bando erano previsti 36 mesi per la fine dei lavori, oggi sono ancora in corso. Infine, la ditta avrebbe dovuto fornire elementi validi a comprovare la capacità economica e tecnica dei tre precedenti anni, ma è stata costituita soltanto il 14 marzo 2011”

“Aspettiamo dunque che la Corte dei Conti faccia le sue verifiche e che, in caso di accertamento della responsabilità per colpa grave e/o dolo, condanni a rifondere il danno subito dai cittadini. A fronte di servizi inesistenti, – conclude Santori – 54 euro per piastrella è una cifra intollerabile, e troppo alta per chi già paga tasse su tasse, tanto più che il sindaco uscente Chiavetta aveva assicurato che non si dovevano pagare”.