8 dicembre 2016

Monterotondo – La “Settimana della Scienza” dell’Istituto Giovagnoli

 

Al via la “Settimana della Scienza” dell’Istituto comprensivo “Raffaello Giovagnoli”, ciclo di incontri, workshop e attività didattiche che coinvolge complessivamente oltre 240 bambini e ragazzi tra Scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado.

Patrocinata dall’Assessorato Cultura e Politiche educative e dalla Fondazione Culturale Monterotondo, l’iniziativa costituisce uno dei quattro eventi di formazione del progetto internazionale “Think outside the box”, a cui l’Istituto partecipa, nell’ambito dei partenariati strategici del programma europeo “Erasmus Plus”, assieme ad altre tre Scuole europee – il “Collegio JABY” di Madrid (Spagna), la “Szkola Podstawowa” di Czaslawi (Polonia) e la “Ysgol Gymraeg” di Caerphili, Galles (Gran Bretagna) – presenti all’evento con una delegazione di insegnanti.

Si comincia lunedì 14 Marzo (ore 8.45) con l’apertura dei lavori presso il teatro Ramarini, a cui seguirà un concerto e la visita guidata al Museo Archeologico Multimediale. Seguiranno due giorni densi di attività, diffuse nei plessi scolastici dell’Istituto, sui temi della relazione tra la chimica e i colori, la cucina ed il restauro, nonché tra la fisica e l’arte. Conclusione il 17 marzo, con la visita presso la Galleria d’arte moderna di Roma per l’iniziativa “La scienza nell’arte: scopriamo il colore”.

«Quel “Pensare fuori dagli schemi” con cui abbiamo voluto intitolare il progetto – afferma il dirigente scolastico Teresa Barlettaesprime bene l’impegno verso quella innovazione, sia d’insegnamento che d’apprendimento, propedeutica ad una integrazione tra conoscenza scientifica ed umanistica ormai fondamentale nella società moderna. Innovazione metodologica e integrazione culturale che rappresentano, del resto, due dei principali obiettivi del progetto, al pari della promozione e della comprensione del linguaggio  scientifico, dello sviluppo delle competenze e di un approccio metacognitivo degli studenti verso la scienza attraverso atteggiamenti di curiosità, ricerca, integrazione e inclusione, tanto culturale quanto sociale. I bambini e i ragazzi delle quattro scuole stanno infatti procedendo lungo un percorso di formazione parallelo, costantemente monitorato, corredato da comunicazioni aperte e partecipate e dalla produzione di materiale comune, di esperimenti e di iniziative, che si propone di contribuire alla crescita sociale delle comunità di riferimento mettendo la scuola e le sue funzioni al centro dei processi educativi  e culturali».

«Lo sviluppo diffuso di conoscenze scientifiche di base – aggiunge l’assessore alle Politiche educative Riccardo Varoneè ormai essenziale nella sua utilità quotidiana e lo sarà sempre più in futuro, anche come strumento di tutela dai rischi di esclusione sociale degli individui. Ben vengano, quindi, le iniziative che si propongono di promuovere la cultura scientifica in maniera originale e creativa, facendo leva sulla curiosità e sulla naturale predisposizione dei bambini e dei ragazzi. Molto significativa è poi la collaborazione, il “gemellaggio” culturale promosso nei quadro dei progetti Erasmus Plus, che rappresenta una preziosa opportunità di formazione, interazione, scambio e comprensione assolutamente funzionale alla crescita di consapevoli cittadini europei di domani».