8 dicembre 2016

“Il caso Spotlight”. La “Mala educacion” a Boston e la scabrosa ricerca della verità

 

Scabrosa  è la ricerca della verità, per alcuni, illuminata luce di proscenio, per altri. La Macchina da presa segue di spalle, l’agente di polizia  nel lungo corridoio della sezione “Boston  Police”. Chi ha pianto? Una madre. Si sospetta che i suoi bambini siano stati abusati da un prete. Nessuna inchiesta, si promette, però, di allontanare il prete sospettato. L’inquadratura sfocata dei bambini, mette a fuoco il volto turbato del procuratore, che, si preoccupa di evitare lo scandalo, vietando l’accesso alla stampa! I prelati sfrecciano via con l’auto di ordinanza (tutto è il mondo è paese!) Ecco l’incipit di “Il caso Spotlight”, regia di Tom McCarthy, fresco vincitore di Oscar per miglior film e migliore sceneggiatura originale (scritta da McCarthy e Josh Singer). Film d’inchiesta che racconta, in modo cronometrico, come l’agenzia giornalistica Spotlight, esistita all’interno della redazione del Boston Globe, abbia investigato sui casi di pedofilia a Boston.

Inquadratura dell’interno, in campo totale, della redazione, e il pensiero va al film “Tutti gli uomini del presidente” (1976), sul caso Watergate: a differenza del film di Alan J. Pakula, film capolavoro fortemente ispirato, fatto di suspense, colpi di scena, di pathos, il film “Il caso Spotlight” procede quieto e senza acuti, metodico, come  riesumando il cadavere di un delitto, e con esso prove sempre più inconfutabili.

Siamo nel 2001, l’agenzia Spotlight esiste da decenni, a quei tempi si occupa di ben poco, ma  c’è una nuova storia per questa sezione investigativa. Marty Baron (Liev Schreiber) venuto da Miami a colloquio  con Walter “Robby” Robinson (Michael Keaton, uno dei migliori in un  cast galattico!) vuole che il giornale investighi su nuovi casi sospetti di pedofilia a Boston. Lo “straniero”  non conosce le beghe provincialotte  di una  Boston dove tutti sanno di tutti, dove  regnano da tempo l’omertà, religiose e laiche. Spotlight  dovrà fare sul serio, occupando il posto vacante dello Stato, degli avvocati, dei poliziotti, degli investigatori. Trovare le prove che l’arcivescovo Law, sapesse degli abusi, senza fare nulla, è molto difficile. Nessun procedimento ufficiale portato all’ultimo grado di giudizio e spesso le vittime non hanno il coraggio di denunciare. Lo Stato contro la Chiesa Cattolica? No. Una lunghissima lista di omissis, atti stralciati, depistaggi, intimidazioni di avvocati e di vittime. Una macchina di insabbiamenti voluti e perpetuati con infernale costanza nel tempo, attività delittuosa ad opera di alti prelati bostoniani. Lo Stato non si è seduto in aula, ha delegato la giustizia ad un gruppo di avvocati in una sorta di accordo privato con la Chiesa, come fosse una compravendita: siamo di fronte all’assenza dello stato di diritto, nella democratica America. Ora però, si faranno i conti con Baron, il guastatore, che chiede vere investigazioni a Spotlight.

Pretende che il giornale sia indispensabile, per i lettori, come la sete di verità. ”Voglio pensare che sia già così” risponde Robby. Si comprende che tutto il film sarà una lezione di giornalismo. E’ proprio il forestiero a mettere il dito sulla piaga  e parla  di un cardinale che era a conoscenza dell’abuso di 80 bambini. Bisogna investigare! “ Si denuncia la Chiesa? Fantastico! “ commenta  Michael Rezendes (uno scintillante Mark Ruffalo ) Servono più prove, più testimoni. Robby interpella un ricco avvocato, difensore dei preti sospettati, che  dice, senza mezzi termini” Sono casi di merda”: i bambini vengono da casi difficili e quartieri difficili, la prescrizione è il minimo. La legge dove è? E la Giustizia? Un abuso si sconta con ventimila dollari o giù di lì. Nel caso del prete Porter le vittime avevano paura del clamore della  tv. Per ora non si ha niente di concreto su Law! Bisogna continuare. Il “pasionario” Michael va dall’avvocato armeno Garabedian (Stanley Tucci) che si prende la briga di difendere le vittime dei pedofili. Illuso perdigiorno! Garabedian riceve Michael, gli chiede di non registrare la conversazione, non può parlare dei documenti sotto sigillo, gli avvocati della Chiesa lo hanno trascinato sull’orlo della radiazione all’albo  del Massachusetts. Michael vuole parlare con le vittime e ottiene un incontro e un’ intervista. Si consultano a mano gli archivi, le cartelline, le fotografie. La giornalista  Sacha Pfeiffer (la bravissima Rachel McAdams) ha un nuovo contatto: si chiama Saviano e ha creato un’associazione  sopravvissuti. Gli eroi della Spotlight vedono la partita di baseball, mentre potenti avvocati vaticanisti giocano a golf inquadrati in lunghissimo piano. Sequenza incrociata tra il  prete che predica dal  pulpito e Michael che fa joggin. Nessun avvocato vuole parlare, aggiungere dati, indizi, fare nomi. Un muro di gomma.

L’incontro tra  il neo direttore Baron e il cardinale Law (Len Cariou), è caratterizzata, volutamente, da un controcampo di inquadrature a sottolineare il divario tra i due: uno cerca la verità, l’altro no. Al contrario, primi piani alternati, nello spazio ristretto di un giardino, dove Garabedian e Michael  parlano di nuovi elementi probanti per l’inchiesta (ingozzando il pranzo per la corsa contro il tempo). Quando in redazione si inquadra un telefono che trasmette, in viva voce, le rivelazioni di un testimone, la macchina da presa allarga, allarga il campo, fino ad allontanarsi dai presenti. Il regista vuole lasciare soli i protagonisti mentre ascoltano la verità dei fatti? La verità però non  ci rende mai  soli la  distanza emotiva del cronista dai fatti.. Nessuna crudezza gratuita. Fatti null’altro che fatti. Il mestiere del cronista. Patrick ,un testimone di Garabedian, dice a Michael ” Volete sapere di questo schifo? Il prete mi toccò il pisello e io restai paralizzato”. Il volto trasfigurato di Michael è l’emblema di tutti coloro che, nel mondo, sono vissuti per fare questo mestiere. Alcuni sono morti per farlo fino in fondo. Siamo alla stretta finale di un film corale, inarrestabile, onesto e talentuoso. Entro breve l’agenzia investigativa Spotlight  potrà accedere ai documenti secretati, i quali erano sempre lì: come dice Garabedian, accessibili ma non accessibili. I difensori dei prelati parlano di un accordo privato perché tutto resti in segreto. ” No. Potevamo essere noi” sentenzia Robby. Il resto è dovere di cronaca.

Maria Chiara D'Apote
About Maria Chiara D'Apote 63 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.