5 dicembre 2016

Passa al Senato il disegno di legge sull’omicidio stradale

“Onorevoli Senatori. – Il fenomeno dell’infortunistica stradale ha ormai raggiunto livelli di pericolosità non più contrastabili con l’attuale quadro normativo, basato su fattispecie di illecito penale caratterizzate quale elemento psicologico dalla colpa, per lo più specifica in quanto correlata alla violazione di norme di comportamento del codice della strada.” Cosi si apre il ddl presentato per iniziativa del senatore Scilipoti, il 20 giugno 2013, riguardante l’omicidio stradale che prevede modifiche al codice penale, all’articolo 380 del codice di procedura penale e al codice della strada, in materia di omicidio stradale.

Dopo innumerevoli casi (circa 3000 morti l’anno), il disegno di legge, già passato alla Camera, è stato approvato dall’Aula di Palazzo Madama  lo scorso mercoledì 2 marzo, con 149 voti a favore, 3 contrari e 2 astenuti. “Per Lorenzo, per Gabriele, per le vittime della strada. Per le loro famiglie. L’omicidio stradale è legge #finalmente”. Così il premier Matteo Renzi digita su twitter dopo il via libera alla legge.  “E’ stata dura – dice il premier – ma questa legge è realtà”.

E ancora il Ministro dell’Interno, Angelino Alfano: “Finalmente l’omicidio stradale è legge. La patente non è licenza di uccidere. Lo dovevo ad un amico. Lo dovevamo a tutte le vittime”.

La vecchia legge si basava sull’articolo 589 del codice penale, riguardante l’omicidio colposo, e prevedeva che chiunque avesse causato la morte di qualcuno violando le norme del codice della strada sarebbe stato punito con la reclusione da 2 a 7 anni. Da 3 a 7 anni se il soggetto fosse stato ubriaco o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti o psicotrope. Se le vittime fossero state più di una, la pena sarebbe potuta essere aumentata del triplo ma senza superare i 15 anni.

Con le nuove misure dunque l’omicidio stradale diventa un reato a se’, graduato su tre varianti. In particolare, resta la pena gia’ prevista oggi (da 2 a 7 anni) nell’ipotesi base, quando cioe’ la morte sia stata causata violando il codice della strada. Ma la sanzione penale sale sensibilmente negli altri casi. Con le nuove regole chi uccide una persona guidando in stato di ebbrezza grave, con un tasso alcolemico oltre 1,5 grammi per litro, o sotto effetto di droghe, rischiera’ da 8 a 12 anni di carcere. Sara’ invece punito con la reclusione da 5 a 10 anni l’omicida il cui tasso alcolemico superi 0,8 g/l oppure abbia causato l’incidente per condotte di particolare pericolosita’ (eccesso di velocita’, guida contromano, infrazioni ai semafori, sorpassi e inversioni a rischio). La pena puo’ pero’ aumentare della meta’ se a morire e’ piu’ di una persona: in quel caso il colpevole rischia fino a 18 anni di carcere.