10 dicembre 2016

Napoli accerchiato dalle critiche: è ora di dire basta!

L’ assalto mediatico che la squadra del Napoli sta subendo da circa un mese diventa giorno per giorno sempre più insopportabile. Che la squadra di Sarri facesse realmente paura alle avversarie lo si era capito  dalla reazione abbastanza  esagerata di Mancini davanti alle telecamere Rai , al termine di Napoli-Inter di coppa Italia, nei confronti del collega napoletano creata ad arte per destabilizzare un ambiente fin allora granitico ma sappiamo tutti come è andata a finire e chi , purtroppo per lui, ne ha fatto le spese. Da quel giorno molto è cambiato nello scenario di questo campionato di calcio: la lotta per lo scudetto è diventata una faccenda a due e l’altra contendente non si chiama più Inter o Roma bensì Juventus perchè , aimè, la squadra bianconera a coronamento di una lunga rincorsa fatta di vittorie e di record è riuscita nel frattempo a colmare il gap accumulato ad inizio campionato ed addirittura ad operare il tanto agognato e quasi insperato sorpasso sull’avversaria “made in sud”; ecco che a difesa di questo  primato acquisito con tanta fatica e di fronte alla prospettiva di fare la storia del calcio nostrano conquistando il titolo per la quinta volta consecutiva, inizia, come d’incanto,  quell’opera non riuscita ai cugini interisti, di mettere all’angolo l’avversario con una campagna mediatica tesa a distruggere quel giocattolo perfetto chiamato Napoli. La cosa strana avvenuta in quest’ultimo periodo, però, non è rappresentata dal fatto che Allegri, i vertici Juve, i calciatori, il tifo e la stampa di fede bianconera si siano sbizzarriti nell’amplificare ad arte difetti veri o presunti della squadra di Sarri ma che certe critiche siano partite e determinate polemiche si siano materializzate all’interno della stessa città di Napoli ed anche tra la stampa locale; a questo punto, come direbbe il grande giornalista Lubrano, la domanda sorge spontanea : ” A che pro ” ? Si potrebbe fare, a voler pensar male, un lungo elenco di ipotesi e congetture ma in mancanza di prove concrete saggezza impone prudenza nel lanciare conclusioni indimostrabili e consiglia di attendere finchè i contorni di questa vicenda saranno più nitidi. Non si può, tuttavia,  non notare come la valanga di critiche con cui si sta  cingendo di assedio il Napoli siano a dir poco esagerate e in alcuni casi fatte in mala fede. Basta osservare, per esempio, come il giudizio su episodi molto simili se non analoghi vengono trattati da stampa, tifosi e critici vari in modo nettamente diverso a seconda che il destinatario si chiami Juventus o Napoli: ecco, allora, come un noioso pari rubacchiato in quel di Bologna viene giudicato ottimo per la Juve , lo stesso risultato, legittimamente ottenuto dai partenopei, dopo una gara spettacolare contro la Fiorentina ( terza forza del campionato) diventa, per i soliti critici, un pericoloso passo falso ; la vittoria ottenuta sugli  azzurri a pochi secondi dalla fine, grazie ad un tiro di Zaza deviato dalla schiena di Albiol, dopo essersi difeso  tra le proprie mura dagli attacchi del Napoli per 2/3 della gara, diventa per tutti un capolavoro tattico di Allegri mentre per Sarri rappresenta un fallimento. Se per la Juventus basta non perdere per ottenere l’unanime consenso degli addetti ai lavori e vincere lo scudetto rappresenta il finale più buono e giusto che il campionato possa offrire al Napoli, per rendere legittimo lo stesso risultato finale, non basta vincere ma deve stravincere, i giocatori per essere in forma non devono correre ma volare, Higuain dopo aver segnato 24 reti su 24 partite diventando il miglior realizzatore d’Europa, non appena si ferma un attimo per rifiatare, diventa il calciatore con la pancia, “el gordo” direbbero in Spagna, come se in un solo colpo si fosse ingurgitato un montone imbottito col maiale! Ed a nulla valgono i numeri che ci indicano una squadra che corre ancora più delle altre, che schiaccia l’avversario per possesso palla e dominio territoriale , il Napoli è per tutti una squadra in crisi e Sarri un allenatore nel pallone.  Per questo motivo che le critiche sicuramente eccessive rivolte da un pò di tempo al Napoli hanno l’odore della malafede e sembrano strumentalmente costruite per far male ad una squadra, una città ed una tifoseria che ha avuto solo la cattiva idea di voler vincere lo scudetto ed è per questo, infine , che mai come adesso occorre fare gruppo e dire basta a questo clima di linciaggio mediatico, ignorando ed isolando i destabilizzatori ed i professionisti della menzogna.