7 dicembre 2016

Lorenzo è il migliore nel primo giorno di test in Qatar

L’inizio del Campionato del Mondo MotoGP™ 2016 si avvicina rapidamente, i piloti e team della classe regina sono stati protagonisti del terzo test ufficiale della stagione in Qatar, l’ultimo prima dell’avvio delle competizioni. La prima giornata di prove si chiude nel segno di Jorge Lorenzo tornato al primato nel buio della sera sul Losail Circuit.

Alle 16:00 ora locale Michele Pirro, Hiroshi Aoyama e Takuya Tsuda hanno preso la via della pista per testare le condizioni dell’asfalto. Alle 19:00 tutti i piloti erano in pista.

Sfortunato inizio di test per Valentino Rossi che è caduto alla curva 10, il pilota Movistar Yamaha per fortuna è rimasto illeso. Anche Aleix Espargaro è finito nella ghiaia e, a causa dei detriti in pista alla curva 14, le prove sono state sospese per un breve lasso di tempo.

Per tutta la seconda metà del test Andrea Iannone, Maverick Viñales, Valentino Rossi e Jorge Lorenzo hanno dominato la tabella tempi con il maiorchino però diventato presto il più veloce del quartetto e della prima giornata. 1:55.452s il suo miglior tempo, 1,3s più lento rispetto alla pole del 2015 ma meglio di 0.428s di Maverick Viñales in seconda posizione. Il team Movistar Yamaha ha deciso di presentare sul circuito di Losail un prototipo ibrido delle versioni 2015 e 2016. La moto è stata usata sia da Lorenzo sia da Rossi.

Viñales ha continuato a stupire imponendo con la sua Suzuki un gran ritmo e, in alcune occasioni, prendendo la testa della classifica tempi. Tsuda, il collaudatore Suzuki Ecstar, è stato l’unico sull’azzurra nipponica a testare il nuovo cambio seamless, Viñales e Aleix Espargaro sperano di provarlo nella seconda giornata di test.

Terzo tempo per Valentino Rossi a 0.442s dal compagno di scuderia e rivale. Con entrambe le M1 ufficiali all’interno dei primi tre, Movistar Yamaha è sicuramente la scuderia più forte in continuità con lo strapotere dimostrato l’anno passato. Il Dottore è uno dei tre piloti insieme Lorenzo e Viñales a rimanere dentro il minuto e 55 secondi.

A guidare la carica Ducati Andrea Iannone in sella alla nuova Desmosedici GP che ha usufruito per la prima volta di due prototipi. 53 giri per il pilota di Vasto con un miglior passaggio di 0.667s dietro a Lorenzo. A completare le miglior cinque posizioni in classifica tempi Scott Redding, Ducati Octo Pramac Yakhnich mostrando ancora una volta una GP15 vecchia di un anno ma molto competitiva.

Il duo Ducati è seguito da Hector Barbera e Andrea Dovizioso che sanciscono la nutrita presenza delle moto di Borgo Panigale, quattro, nelle prime dieci. Barbera del team Avintia Racing è sesto e, a 0.068s, Dovizioso.

Il pilota Honda LCR Cal Crutchlow conquista l’ottava posizione in classifica tempi distante 1.058s da Lorenzo e, 0.007s dietro al britannico, si posiziona il connazionale Bradley Smith su Monster Yamaha Tech 3.

A completare le migliori dieci posizioni Marc Marquez; il pilota Repsol Honda sembra avere ancora un po’ di lavoro da fare dopo la buona prova a Phillip Island nel secondo test pre-stagionale.

Aleix Espargaro chiude all’ undicesimo posto, 0.7s più lento del suo compagno di squadra Viñales. Il fratello minore Pol è attardato di 0.195s e dodicesimo davanti a Dani Pedrosa, ancora vittima di una giornata difficile.

Yonny Hernandez e Loris Baz vanno a completare i migliori quindici all’interno distanziati di secondi dal miglior tempo. 2.398s dalla cima della classifica Jack Miller ancora non del tutto ripreso dall’incidente nella pausa invernale. Michele Pirro, che nel test in Qatar ha sostituito l’infortunato Danilo Petrucci è diciassettesimo, lo storico tester Ducati darà una mano al team Pramac Octo Yakhnich con la GP15.

Test frustrante per Tito Rabat che è caduto alla curva 2 finendo attardato di oltre due secondi da Jorge Lorenzo.

La novità dei test in Qatar è stato il debutta della nuova Aprilia RS-GP 2016. Sul prototipo interamente concepito a Noale Stefan Bradl, diciannovesimo e Alvaro Bautista, ventiduesimo. Per entrambi la consapevolezza che il lavoro da fare è ancora tanto.

Eugene Laverty è ventesimo davanti al tester Honda HRC Hiroshi Aoyama che ha provato un prototipo provvisto di alettoni come ormai di norma in casa Ducati o come già fatto da Yamaha in alcune sessioni dei precedenti test.

Il secondo giorno di prove in Qatar inizierà giovedì, alle 16:00 locali.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.