10 dicembre 2016

Ladispoli – Fargnoli: “Teniamo chiusa Cupinoro, e poi?”

Gabriele Fargnoli, consigliere indipendente di maggioranza, mette in guardia la piazza di Ladispoli contro il rischio dell’ansia virale che ha sfilato in corteo lungo viale Italia sabato 27 scorso, per chiedere che la discarica di Cupinoro – attualmente chiusa – non riapra.

“Tutto il contrario – indica il consigliere – Cupinoro va prima bonificata e poi riutilizzata”, nonostante i clamori di popolo che ora però devono fare i conti con la realtà dei numeri. “Cupinoro – ragiona infatti Fargnoli – ci è costata 35mila euro al mese per almeno 12 anni. Si tratta di quanto il nostro Comune ha dovuto sborsare per il Fondo Post Mortem della discarica (ossia la riserva accantonata per la bonifica del territorio, una volta esaurita la funzione del bacino, ndr). Soldi sacri, dei cittadini – aggiunge Fargnoli – su cui ora pende indagine della Procura di Civitavecchia, dato che non si sa dove sia finito il gruzzolo di milioni che Ladispoli, Cerveteri e tutte le altre città che si servivano dell’invaso hanno accantonato e versato alla Bracciano Ambiente in previsione del recupero dell’area.” Dunque?

“Cupinoro va sottoposta a bonifica, poi messa in sicurezza ed infine riutilizzata”. Una posizione, quella di Fargnoli, che bypassa la piazza e mette da parte ogni enfasi emotiva. “Con un 70% di raccolta differenziata ormai consolidato – indica il consigliere – Ladispoli è il Comune più virtuoso della Regione Lazio, ma patisce la mancanza assoluta di strutture adeguate entro un raggio di 100 km. Il risultato è che quote pesantissime del nostro carico di rifiuti (come l’umido ad es.) finiscono nientemeno che in Veneto, con costi che stressano il bilancio locale e che non hanno alcun senso pratico. Abbiamo disperato bisogno – mette in evidenza Fargnoli – di strutture ecologiche di trattamento di ultima generazione che trasformino la differenziata in quella risorsa che già in realtà è”

Un piccolo impianto non distante, solo per il bacino del nostro comprensorio, porterebbe ad un risparmio inestimabile per le casse dei Comuni limitrofi, incidendo in positivo sulle spese di trasporto che sono di fatto l’autentica fatica economica sostenuta da chi sta differenziando gia da un pezzo. “Cupinoro – mette quindi in chiaro Fargnoli – sarebbe il bacino ideale per una struttura avanzata, e destinata alla sola utenza locale. “Ho ascoltato la voce della piazza – sottolinea il consigliere – e conosco bene le istanze dei Comitati che hanno sfilato in centro sabato scorso. Ma in ballo c’è non solo il destino della vecchia discarica che ripeto, va immediatamente bonificata, ma anche il futuro della nostra tattica di spesa e la chance di abbattere finalmente e per tutti la bolletta sui rifiuti.” Una cosa è certa, nel quadro generale che Fargnoli propone: “Cupinoro, così com’è non può restare. Nessuno ha la minima idea di cosa possa essere finito li dentro in oltre 30 anni di attività. Senza una bonifica rischiamo di giocarci anche le falde acquifere. Bonifica – alza il tono il consigliere – che abbiamo peraltro già pagato e salata, e che nel caso Cupinoro venisse brutalmente chiusa ci lascerebbe un’immensa tomba bio-plastica nel giardino di casa!” A questo punto, secondo la linea indicata da Gabriele Fargnoli, tanto vale trarne il massimo vantaggio sia in termini economici che ambientali.

About Ruggero Terlizzi 2880 Articoli
Ruggero Terlizzi è il classico nerd, tecnologia, fumetti, videogames, serie tv e tutto quello che è classificabile nella categoria. È un ottimo disegnatore e ha sempre a portata di mano un taccuino dove fare qualche schizzo. Appassionato anche di auto ha tenuto la rubrica motori su Il Tabloid Motori e da settembre gestisce la rubrica Tech su Il Tabloid.it