3 dicembre 2016

Cassette di sicurezza in Svizzera: un’alternativa al conto corrente?

 

Da una parte la diffidenza verso il sistema bancario italiano, dall’altra la rinomata affidabilità della finanza oltre-confine, stanno alimentando un flusso significativo di denaro  dal Belpaese verso la Svizzera. Gli istituti creditizi situati dall’altra parte delle Alpi, in realtà, oggi non rappresentano più quel paradiso fiscale che tutti abbiamo imparato a conoscere, almeno per sentito dire. Ciò nonostante, sono numerosi i cittadini italiani che scelgono di affidare i propri beni più preziosi alla custodia delle banche svizzere. Occorre però chiarire che le condizioni non sono sempre la così convenienti, i costi delle cassette di sicurezza in Svizzera sono variabili e dipendono dalla capienza delle stesse e non sono la scelta più adatta per chi ha necessità di conservare un’ingente somma di denaro.

Cassette di sicurezza in alternativa al conto corrente

Diversi risparmiatori stanno valutando se sia il caso di optare per una cassetta di sicurezza in alternativa al tradizionale conto corrente, in modo da tutelare i propri possedimenti da eventuali ‘aggressioni’ derivanti da imposte sul patrimonio. L’idea sembra avere una certa logicità, sebbene in realtà nasconda molte zone grigie. Una cassetta di sicurezza presso un istituto svizzero ha un costo che varia e che parte dai 200 euro per quelle più piccole, a cui occorre sommare i costi dell’assicurazione, che solitamente coprono fino a un massimo di 5.000 euro. A ciò occorre sommare costi extra che molte banche prevedono, ad esempio, per cassette cointestate, per lo smarrimento delle chiavi o per l’attivazione del contratto. In linea generale, gli stessi istituti di credito sconsigliano di depositare il contante all’interno delle cassette di sicurezza in alternativa al conto corrente bancario.

Scarsa flessibilità

Le cassette di sicurezza sono la soluzione ideale per il deposito di preziosi, gioielli e oggetti di valore che sarebbe troppo rischioso conservare in casa propria. Nel caso del denaro, invece, il discorso è un po’ diverso. Tali prodotti, infatti, non garantiscono una buona liquidità, le pratiche per prelevare e sbloccare i liquidi sono spesso macchinose, senza considerare che muovere una vasta mole di denaro può attirare l’attenzione del fisco, e ciò non fa piacere neppure a chi non ha nulla da nascondere. Le cassette di sicurezza, poi, non garantiscono alcun interesse (al contrario dei conti deposito italiani), anzi, comportano l’obbligo di affrontare spese annue fisse. Per non parlare degli oneri di natura gestionale, poiché ogni operazione comporta l’obbligo da parte dell’intestatario di presentarsi fisicamente in sede.

Obbligo di trasparenza

Il motivo che spinge in molti a informarsi sulle cassette di custodia sta nella volontà di proteggere parte del capitale posseduto dalla dichiarazione fiscale. Ciò è assolutamente sbagliato poiché i capitali (monetari e materiali) presenti all’interno delle cassette di sicurezza, così come ogni operazione a esse correlate, devono essere dichiarati nel Modello Unico. Le cassette di custodia sono un prodotto ottimale per tutelare i propri averi senza preoccupazioni, non sono pensati per rappresentare un’alternativa al conto corrente.