10 dicembre 2016

“Sport e legalità”, l’Oscad incontra i ragazzi dei settori giovanili di rugby delle squadre del litorale

Nella mattinata odierna personale della Questura di Roma, dell’OSCAD – Osservatorio per la Sicurezza contro gli Atti Discriminatori  e del gruppo sportivo della Polizia di Stato Fiamme Oro – Rugby ha incontrato 150 ragazzi appartenenti alle società dilettantistiche ASD Lions Pomezia Rugby Club, ASD Torvajania Rugby, ASD Rugby Lanuvio e ASD Rugby Latina.

L’incontro, oltre ad essere una competizione sportiva, è stata l’occasione per ribadire ai ragazzi che il concetto di sportività, ovvero di competizione attraverso i canoni del  rispetto dell’avversario e dei regolamenti, è assimilabile al concetto di legalità intesa come osservanza delle norme e rispetto dei valori condivisi.

All’evento ha partecipato personale della Direzione Centrale della Polizia Criminale che ha illustrato i compiti e le finalità dell’OSCAD – Osservatorio per la Sicurezza contro gli Atti Discriminatori, istituito presso il Dipartimento della Pubblica Sicurezza e presieduto dal Direttore Centrale della Polizia Criminale.

Gli atleti delle Fiamme Oro – Rugby e gli operatori delle unità cinofile della Questura di Roma hanno entusiasmato i giovani rispondendo alle loro domande e curiosità.

Particolarmente apprezzata la dimostrazione delle unità cinofile della Polizia di Stato che hanno simulato gli interventi posti in essere durante le manifestazioni sportive.

Notevole è stata la partecipazione dei giovani rugbisti e delle loro famiglie che hanno apprezzato l’iniziativa e ne hanno condiviso lo spirito in linea con la mission dell’OSCAD che è quella di monitorare e contrastare le discriminazioni di razza,  etnia,  lingua, genere,  credo religioso,  orientamento sessuale, disabilità fisiche o psichiche nei diversi ambiti: scolastici, sportivi, lavorativi.