5 dicembre 2016

Atrani, le briglie e la rincorsa alle competenze, facciamo chiarezza

É finita sotto la lente della Procura la rincorsa alle competenze  circa le briglie sistemate lungo l’alveo del torrente Dragone dopo i  tragici fatti del 9 settembre 2010. Un’opera che, lungi dall’aver  risolto in maniera fattiva il problema della sicurezza nell’abitato di  Atrani, come già nel 2011 denunciava il geologo Ortolani (in un suo  minuzioso articolo, anzi, le briglie in questione venivano citate come  esempio negativo di mitigazione del rischio idrogeologico) ha innescato  un rimpallo di responsabilità tra Regione, Provincia e Comuni.

Il risultato? A voler dividere colpe, omissioni e inspiegabili  lentezze tra i soggetti interessati senza fare le dovute distinzioni,  si rischia di confondere ruoli, funzioni ed effettive competenze degli  Enti coinvolti. Una situazione di stallo, quella attuale, che persiste nonostante  Atrani abbia costantemente sollecitato le autorità competenti, gli  organi sovracomunali e gli altri comuni interessati dagli 11 km che il  Dragone percorre, prima di sfociare nel mare costiero, ad effettuare  manutenzione, pulizia e controllo dell’effettiva efficacia del sistema  delle briglie, oltre a quelle dell’intero alveo del fiume. Atrani ha sempre fatto tutto quello che la propria competenza  territoriale consente, specie dopo il 9 settembre, “vittima” di un  sistema di gestione delle emergenze a dir poco confuso: ha sollecitato ripetutamente l’Arcadis, intervenuta dopo l’alluvione,  a completare finalmente i lavori nell’area delle vasche borboniche (che  si trovano nel territorio di Atrani e sono l’importante ultimo filtro  prima del tratto tombato) in modo tale da poter effettuare la pulizia  periodica delle stesse; ha sollecitato i comuni sovrastanti, che fanno anche parte della  Comunità Montana con tutte le ulteriori competenze che ad essi  spettano, ad effettuare un vero controllo lungo tutto l’asse del  torrente, per impedire che quelle briglie “mal concepite e  realizzate” (cit. da Cumulo nembi e disastri alluvionali in Geologia  dell’Ambiente, di F. Ortolani e S. Pagliuca, ottobre-dicembre 2011,  p.17) da cui, oggi, sembra unicamente dipendere la sicurezza di Atrani.

La difesa del territorio e il controllo di tutto il corso del fiume (11  km in massima parte nei comuni di Ravello e Scala) è probabilmente la  vera arma di prevenzione delle emergenze, alla luce di quanto e  soprattutto cosa scende a valle anche dopo una normale pioggia (!); non ultimo, ha predisposto un Piano di Protezione Civile (con tanto di  esercitazioni fatte ed altre previste per spiegare alla popolazione  come gestire l’allerta) in caso di emergenza da dissesto idrogeologico  e installato una telecamera (controllata dagli organi competenti, in  caso di allerta meteo, presso i locali del Centro Operativo Comunale) e  sensori d’allarme lungo il tratto di pertinenza comunale per consentire  l’evacuazione in tempo utile; ha provato a regolare il problema delle auto parcheggiate lungo via  dei Dogi, stabilendo il divieto di sosta dalle 24 alle 8 e per l’intera  durata degli stati di allerta meteo. Resta questo un punto debole su  cui bisogna ancora lavorare; ad esempio pensando, assieme all’Arcadis,  di creare un parcheggio in roccia che permetta di liberare  definitivamente l’intero tratto dalle auto.

Siamo proprio sicuri che gli altri Enti coinvolti possano dire con  altrettanta convinzione di aver fatto tutto quanto nelle loro facoltà? Ad oggi, l’ultima pulizia delle barriere frangi-colata e delle briglie  a pettine (realizzate dal Genio Civile di Salerno all’indomani  dell’evento alluvionale) risale al luglio 2014 ed è costata circa  35.000 euro. Perché la Regione Campania risulta latitante in questo senso da ben  18 mesi? E soprattutto, pensando alla sicurezza dei cittadini, perché  lasciare gli Enti locali da soli ad affrontare la gestione di un’opera  forse incompleta e inefficace, incidendo su situazioni di bilancio già  precarie? Eppure, l’Ordinanza di protezione civile per favorire e regolare il  subentro della Regione Campania nelle iniziative per il definitivo  superamento dell’ emergenza per gli eccezionali eventi atmosferici nei  comuni di Atrani e Scala (SA) n. 38 del 16 gennaio 2013 recita  chiaramente che:

Art. 1 c. 1: “…La Regione Campania è individuata quale  Amministrazione competente in via ordinaria a coordinare le attività,  conseguenti all’evento di che trattasi, di cui all’ordinanza del  Presidente del Consiglio dei ministri n. 3914 del 22 dicembre 2011 e  successive modificazioni, che si rendono necessari successivamente alla  scadenza dello stato di emergenza….”;

Art. 1 c. 2: “… L’Assessore ai lavori pubblici, difesa suolo e  protezione civile della Regione Campania, è individuato quale soggetto  responsabile ad autorizzare a porre in essere tutte le attività  occorrenti per il proseguimento in regime ordinario delle iniziative  finalizzate al superamento del contesto emergenziale in rassegna. In  particolare, provvede alla ricognizione ed all’accertamento delle  procedure e dei rapporti giuridici pendenti, ai fini del definitivo  trasferimento delle opere realizzate alla Regione Campania o agli altri  Enti locali competenti, nonché a trasferire agli stessi tutta la  documentazione amministrativa e contabile inerente alla gestione  commissariale, compresi i beni ed i materiali acquistati per lo  svolgimento delle relative attività …”;

Art. 1 c. 3: “ … Al fine di consentire l’espletamento delle  iniziative di cui alla presente ordinanza, l’Assessore ai lavori  pubblici, difesa suolo e protezione civile provvede, fino al  completamento degli interventi di cui al comma 1 e delle procedure  amministrativo-contabili ad essi connessi, con le risorse disponibili  sulla contabilità speciale n. 5466 aperta ai sensi dell’ordinanza del  Presidente del Consiglio dei ministri n. 3914/2010 e successive  modifiche ed integrazioni, che viene intestata al Dirigente dell’Area  generale di coordinamento lavori pubblici della Regione Campania per  cinquanta mesi dalla data di pubblicazione della presente ordinanza  sulla Gazzetta ufficiale della Repubblica italiana relazionando al  Dipartimento con cadenza semestrale …”.  

Allo stato attuale non risulta che il “pieno trasferimento delle  competenze” agli Enti locali in merito alle briglie ci sia mai stato,  e per “pieno” si intende, oltre alla mera individuazione dell’Ente,  anche il trasferimento di risorse economiche, umane, organizzative e  strumentali per garantire l’esercizio effettivo delle funzioni (vedasi  in questo senso le sentenze del Tribunale delle acque di Napoli: causa  civile n. 68/04 R. G.: Risarcimento di danni, passata in decisione  all’udienza collegiale del 17.12.07 e sentenza n. 157/10 del 18.11.2010  S.A.S. Agroverde c/o Regione Campania). Come se non bastasse, risultano  ancora non realizzate le piste per procedere alla periodica rimozione  dei detriti di buona parte delle briglie in questione, completamento  dell’opera anch’essa di competenza della Regione Campania (vedi  D.P.R.15 gennaio 1972, n. 8;  D.P.R. 24 luglio 1977 n. 616;  D.P.R. 14  aprile 1993; 183/1989). Cui prodest? A chi giova questa continua rincorsa alle competenze?  Sicuramente non al cittadino di Atrani, costretto a convivere con il  rischio idrogeologico… e con una gestione della sicurezza e degli  interventi di mitigazione del rischio che di “sicuro”, ad oggi, non  ha proprio nulla. Sicuramente molto è stato fatto, ma molte sono state finora anche le  incertezze che hanno accompagnato la vicenda. L’auspicio è che si  faccia al più presto chiarezza, e lo si faccia definendo le competenze  una volta per tutte e senza più indugi, per continuare a lavorare  concretamente sulla sicurezza del nostro fragile territorio.