4 dicembre 2016

Oscar e spaghetti: quando il piatto di pasta è da star!

Come superano la tensione della notte degli Oscar le star di Hollywood e come festeggiano la conquista dell’ambita statuetta? Hanno un segreto che ci riguarda: cucinano un bel piatto di pasta seguendo le  ricette tradizionali italiane. Una moda che impazza come quella, si dice scaramantica, di cucinarla e mangiarla sul set, tra una scena e l’altra, meglio se preparata dal protagonista, che non si chiude in camerino a ripassare le battute bensì  a dosare pomodori e olio d’oliva.
Non si direbbe, ma molti  divi  e dive  conoscono  gli ingredienti come gli chef, pretendono  capperi  profumati, pecorino stagionato e niente pancetta  per la carbonara.  La pasta a cui Penelope Cruz ha giurato amore eterno è  fatta con il guanciale. Secondo il giornale N:York Magazine un piatto di pasta cacio e pepe  a regola  d’arte manda in estasi gli americani. Al verdetto si associano attori del calibro di Woody Allen e George Cloney.
Alcuni divi, preoccupati dei segreti che potevano filtrare dalle loro cucine, hanno imposto il silenzio ai collaboratori, come Uma Thurman per le sue famosissime tagliatelle al tartufo e Harrison Ford, protagonista di Star wars, per la pasta alla puttanesca, definita dagli ospiti che l’hanno assaggiata (senza molta fantasia) “stellare”.
Infine vi sono gli attori amanti dei prodotti biologici capaci di alzarsi all’alba, è il caso di Dustin Hoffmann, per raccogliere nell’orto le zucchine  necessarie a preparare il capolavoro della gastronomia della costiera amalfitana: la pasta alla Nerano.  Aromi deliziosi emanano dalle pentole  in grande attività nella capitale del cinema mondiale. Come ha detto un’attrice: un piatto di pasta è semplice, veloce e mette allegria.
Buona pasta a tutti e buon Oscar.