4 dicembre 2016

Cupinoro – Fermiamo cupinoro: diffida i furbetti del biogas/biometano

 

Il movimento Fermiamo Cupinoro diffida enti pubblici e privati, nonché partiti, comitati e associazioni, a usare la parola COMPOSTAGGIO al posto di DIGESTIONE ANAEROBICA.

Ricordiamo che il compostaggio è la pratica più semplice, antica e sana per gestire i rifiuti organici. Il processo si svolge in presenza di aria (aerobico) e produce il compost – utilissimo per rigenerare e fertilizzare il terreno. È un sistema modulabile, dal balcone di casa ai compostatori di comunità, ed economico. È il sistema che l’Europa, i medici e gli scienziati ritengono migliore.

Gli impianti di digestione anaerobica – chiamati anche centrali a biogas/biometano o biodigestori – inquinano e rappresentano una truffa colossale ai danni dei cittadini che pagano gli incentivi concessi a questi impianti. Sono soggetti a esplosioni e sversamenti. Producono emissioni nocive e un digestato pericoloso per la presenza di nitrati, metalli pesanti e spore di Clostridium Botulinum (3.000 casi di botulismo in Germania vicino alle centrali a biogas).  Far passare questo digestato attraverso una fase aerobica (in presenza di aria) o aggiungere del compost non modifica le nocività delle sostanze presenti  e le criticità della digestione anaerobica.

Due anni fa, il vicesindaco di Napoli è stato tra i primi a usare il termine ‘compostaggio’ (giustamente percepito come positivo) per confondere i cittadini e promuovere il biodigestore di Scampia. Molti imprenditori e politici, anche in Regione Lazio, hanno seguito questo luminoso esempio.  A Bracciano, la centrale a biogas da 33.000 ton prevista nei bandi su Cupinoro diventa un innocuo ‘impianto di compostaggio e digestione anaerobica’. E ora, addirittura, alcuni comitati, complici nella promozione della ‘truffa biogas’, cominciano a sbandierare il loro SI’ AL COMPOSTAGGIO (intendendo però il suo opposto, ovvero la digestione anaerobica).

Occhio ai furbetti e ai bari di professione.

Dietro alla proliferazione degli impianti a biogas, c’è un business enorme e sono in tanti – in ogni settore sociale – a volerne approfittare, a qualunque costo.

Ma è un costo che i cittadini non sono più disposti a pagare.