6 dicembre 2016

Unioni Civli, Malan, FI: “La nuova legge è una presa in giro. Renzi come Mussolini

Lucio Malan, Senatore di Forza Italia, e Sergio Lo Giudice, Senatore del Pd, e sono intervenuti ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

In merito alla legge sulle unioni civili. “Il problema è che qui non si è neppure giocata la partita –ha affermato Malan a Radio Cusano Campus-. La partita è fatta di un esame in commissione e in aula articolo per articolo. Invece in commissione e in aula non c’è stato neppure un voto. L’unico voto è quello di fiducia. Il premier Renzi ha paura che le persone esprimano le proprie idee. Ma ora con le elezioni gli arriveranno delle legnate, a partire dalle amministrative fino ad arrivare al referendum di ottobre. Lui vuole un Paese in cui lui può fare quello che vuole e gli altri non hanno neppure diritto di parlare. Questo disegno di legge sulle unioni civili è orrendo. Verdini in maggioranza? Già lo è. Ieri ha fatto la grottesca finzione di dire per non avrebbe votato la fiducia e invece ha cambiato idea. Io credo che lavorasse per la maggioranza quando era ancora in Forza Italia. Ma il punto non è cosa fa Verdini, il punto dovrebbe esserci la possibilità di esprimersi e votare articolo per articolo. Persino con il governo Prodi che aveva una maggioranza risicatissima in Senato, si sono fatte più di mille votazioni pur di non mettere la fiducia. Invece in questo caso si è violata in modo spudorato e violento la Costituzione. C’è una sola persona, Matteo Renzi, che decide se votare sì o no. E’ come nel fascismo, quando il governo Mussolini diceva: voti sì al governo o no? In quel caso se votavi no finivi all’ospedale o al cimitero. Questo ddl è una presa in giro. Viene tolta formalmente l’articolo delle adozioni però c’è una frase che dice che restano vigenti le attuali norme che riguardano le adozioni. E’ una cosa puramente di facciata. L’unica cosa che ha salvato Alfano è il suo posto al governo”.

Sul tema è intervenuto anche Sergio Lo Giudice. “L’impressione –ha affermato Lo Giudice a Radio Cusano Campus- è di un giorno di festa rovinato da una mancanza. Noi oggi stiamo portando a casa una legge sulle unioni civili che è monca di un pezzo fondamentale, non solo perché riguarda i diritti dei bambini ma anche perché l’approvazione di questa norma avrebbe dato un surplus di riconoscimento di dignità per queste famiglie. E’ stata un’occasione mancata. Comunque si porta a casa un’ottima legge per i diritti delle coppie omosessuali, che avranno tutti i diritti sociali previsti dal matrimonio. Stamattina, con altri senatori del Pd, abbiamo presentato un ddl che punta a modificare il codice civile, cancellando l’obbligo di fedeltà nel matrimonio, che è un principio obsoleto. Proponiamo un unico articolo in cui si dice che negli obblighi reciproci della coppia nel matrimonio, venga cancellata la parola fedeltà. E’ evidente che quello con Ncd è un compromesso al ribasso. Non avere avuto la possibilità in questo strano parlamento di una sponda reale nel M5S, con cui avevamo iniziato un percorso che loro hanno abbandonato a metà strada, ci ha consegnato nelle mani di Ncd. Dichiarazioni di Alfano? Alfano può dire quello che vuole, capisco che sia in grande difficoltà a far accettare al suo popolo una legge che lui ha sempre definito simil matrimonio. Alfano non potrà impedire ai gay di avere dei figli, li hanno sempre avuti, magari con dei matrimoni di convenienza che finivano subito dopo la nascita di un figlio. Il riconoscimento legale che è stato negato alle famiglie omogenitoriali, noi ce lo prenderemo attraverso la giurisprudenza. Nel maxiemendamento infatti abbiamo aggiunto che resta fermo quanto previsto in tema di adozioni dalle norme vigenti. Ciò che significa dire ai giudici di andare avanti sulla strada del riconoscimento di queste adozioni. Il Pd ha una questione irrisolta dalla sua nascita sul tema dei diritti civili. Deve comprendere che un partito che sta nel partito socialista europeo, non può permettersi di avere una posizione così difforme dal resto dei paesi europei”.

Fonte: Radio Cusano Campus