5 dicembre 2016

Roma – Onorato, Lista Marchini: “E’ in corso una macchinazione per infangare Marchini”

Alessandro Onorato, Lista Marchini, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Sulle presunte operazioni offshore tra Marchini, il Lussemburgo e la banca Popolare di Vicenza, denunciate da Repubblica. “Sfatiamo un mito –ha affermato Onorato-: Marchini non è mai stato un costruttore, è ingegnere e un imprenditore. Suo nonno è stato un grande costruttore. Mi auguro che possa far politica a Roma anche chi non è stato assunto con Parentopoli e ha sempre lavorato in vita sua pagando le tasse. E’ evidente che c’è una macchinazione politica, un fango prodotto a iosa per indebolire l’unica candidatura indipendente forte alle elezioni di Roma. A noi interessa vincere per rimettere le cose a posto. Mi risulta singolare che Rampelli di FDI cinque giorni fa abbia detto che su Marchini sarebbe uscito qualche scandalo sulla Popolare di Vicenza. Oggi Marchini ha chiesto 30 milioni di risarcimento a Repubblica, perché su quella vicenda Marchini è parte lesa, ha ottenuto dei prestiti pagando 11 milioni di euro di interessi per società che non sono neanche più sue. Renzi e Berlusconi, che vogliono tenere Roma schiacciata sotto gli interessi nazionali, devono impegnarsi di più se vogliono mettere in cattiva luce Marchini”.

Sui sondaggi. “Marchini non crede che bisogna creare per forza delle alchimie politiche per vincere –ha spiegato Onorato-. Noi crediamo che i romani sappiano bene chi ha governato e chi ha fallito. Io credo che quando ci danno al 14% da soli, sia una base veritiera. Tre anni fa ci davano all’1% e prendemmo il 10%. Noi siamo convinti che arriveremo a quel 20% utile per arrivare al ballottaggio e poi vincere. Noi abbiamo mani pulite, abbiamo mandato a casa Marino. Siamo convinti di farcela, con centinaia di migliaia di romani che hanno abbandonato i partiti. Il sindaco di Roma non può farlo chiunque, non può farlo chi fino a ieri ha fatto le fotocopie dentro un ufficio. Io comunque per Roma sarei pronto a fare anche le fotocopie”.

Le priorità di Roma. “Noi sappiamo quali sono i problemi dei romani –ha affermato Marchini-, vogliamo dire ai cittadini le soluzioni che vogliamo mettere in campo. A Roma il degrado, la prostituzione, il rovistaggio e l’abusivismo commerciale sono problemi noti. Oggi non abbiamo strumenti legislativi utili per risolvere questi problemi. Oggi un sindaco su questo non può fare nulla, allora noi abbiamo preparato una legge di iniziativa popolare che permetta al sindaco di inibire zone alla prostituzione senza che qualcuno possa impugnare quell’atto. Se una persona maggiorenne viene sfruttata per fare il mendicante il sindaco deve poter intervenire andando a punire chi organizza il racket e chi lo svolge. Il rovistaggio non si risolve togliendo i cassonetti, noi lo risolveremo togliendo i rom che mettono le mani nei cassonetti per recuperare materiali ferrosi da rivendere illegalmente. Noi abbiamo chiesto a dei senatori di sottoscrivere la legge anti-rovistaggio in modo che questa possa essere approvata quanto prima”.

Fonte: Radio Cusano Campus