6 dicembre 2016

Napoli fuori dall’Europa League: “Jellareal”!

La mala sorte, marchio di fabbrica di un Febbraio nefasto che grazie a Dio volge al termine, decide le sorti del Napoli anche in Europa League, la gara di ritorno finisce 1-1 e lascia che siano gli spagnoli del Villareal ad approdare agli ottavi di finale in virtù di un tiro, in realtà un cross sballatissimo , di quelli che si vedono solo nei campetti di periferia in terra battuta nelle sfide tra ragazzini che,  prendendo una traiettoria ai limiti delle leggi della fisica, va ad infilarsi all’incrocio dei pali alle spalle di un incredulo Reina.

Ribaltare il risultato, a quel punto della gara,  contro una squadra tosta e ben organizzata come quella spagnola avrebbe richiesto la classica impresa oltre che un bel colpo di fortuna  ma così non è stato;  il Napoli ha speso tutte le energie possibili ed immaginabili per ribaltare il risultato stringendo d’assedio la formazione iberica e pur collezionando varie opportunità da rete non è più riuscito a scardinare la difesa del Villareal e l’applauso convinto dei sostenitori napoletani, a fine gara, è stata la fotografia  di come le cose non girino, ultimamente, per il verso giusto e di come questi ragazzi riescano a raccogliere molto meno di quanto, in realtà, meritino.

Eppure nel primo tempo sembrava che le cose si stessero mettendo per il verso giusto grazie ad una prodezza di Hamsik che portava il Napoli in vantaggio con una perfetta esecuzione al volo che andava ad insaccarsi rasoterra nell’angolino a sinistra del portiere avversario  ma, forse, nella patria della scaramanzia, la rete al minuto 17 del numero 17 del Napoli, in un periodo targato dalla sfortuna come questo, avrebbe dovuto destare ben più di un allarme ed alla fine dei conti così è stato, il colpo di “sfiga”, la pennellata della malasorte è puntualmente arrivata nel secondo tempo vanificando ogni sforzo e demolendo qualsivoglia speranza proprio nel momento in cui tutti credevano nella concreta possibilità di superare il turno.

A Nulla serve riconoscere al Napoli l’ennesima partita condotta con autorità, dominata sotto l’aspetto del possesso palla e presidio territoriale, a proseguire il cammino sarà un Villareal che nell’arco delle 2 sfide ha dimostrato di essere una signora squadra ma non certo superiore ai partenopei ; purtroppo  nel calcio, come nella vita, in alcuni periodi oltre che alle proprie qualità, l’impegno ed altro occorre avere il fato dalla propria parte, che la buona sorte ti protegga le spalle e così non è  stato ultimamente per i ragazzi di Sarri.

Ora è necessario archiviare velocemente anche questa disavventura europea, concentrarsi sul Campionato e …..in bocca al lupo ragazzi!!